Messina-Cosenza 0-0, le pagelle di StrettoWeb. Giù Pepe e Damonte, la “star” è ancora Berardi

Messina - Cosenza 0-0 (5)

© Furrer

L’unico aspetto positivo – se proprio vogliamo ostinarci a trovarne uno – del pareggio a reti bianche con il Cosenza è non aver subito gol. In realtà il pareggio del “S.Filippo” ha quasi lo stesso valore di una sconfitta, perché suona come l’ennesima chiamata alle armi andata a male. Lo 0-0, e lo “zero” dei tiri nello specchio della porta avversaria mostrano ancora una volta (qualora ce ne fosse bisogno) come questa squadra non ha saputo mostrare fin qui di avere quel “quid” in più che una formazione  in lotta per la salvezza dovrebbe avere.

Ecco le pagelle dei giallorossi:

Berardi, voto 6,5 – Arrivato in riva allo Stretto per essere il secondo di un ex secondo (Iuliano) si guadagna la pagnotta come pochi suoi compagni e para un rigore che vuol dire rete inviolata, ovvero cosa rara per questo Messina.

Pepe, voto 4 – Bastano 120 secondi per realizzare il fallo che ha provato il calcio di rigore. Durante il match qualche altro svarione difensivo completa un’altra

Il rigore parato da Berardi © Furrer

Il rigore parato da Berardi © Furrer

prestazione da dimenticare.

Altobello, voto 4,5 – Nervoso si dall’inizio del match non riesce a dare quella spinta offensiva che si richiede ad un terzino in 4-4-2 moderno.

Silvestri, voto 5,5 – Mette una pezza laddove il suo compagno di reparto spesso e volentieri crea scompigli.

Benvenga, voto 5 – Torna titolare dopo diverse settimane di assenza e si capisce fin da subito che non è al top.

Nigro, voto 5 – A lui il compito di dare ordine a centrocampo, ma il realtà parlare di ordine è forse troppo.

Damonte, voto 4,5 – L’ex Varese prosegue il suo periodo no. Macchinoso e spesso impreciso.

Cane, voto 5,5 - Corsa e tanta voglia di mettersi in gioco ma a volte (se non spesso) i risultati non sono in linea con le aspettative.

© Furrer

© Furrer

Ciciretti, voto 5,5 - Un’ottima occasione sul destro che non è il suo piede preferito e il risultato lo conferma.

Orlando, voto 5,5 – Serve un assist perfetto per Corona che forse non ha avuto il guizzo dei tempi migliori. Per il resto vaga in territori rossoblu in attesa di palloni giocabili che non arrivano.

Corona, voto 5 - Spesso pescato dai compagni in posizione di fuorigioco pare proprio non essere più in grado di togliere le castagne dal fuoco come un tempo.