Messina, Atm bomba ad orologeria? Foti replica alla Uil: “il merito è il nostro unico criterio”

fotiLe aspre critiche espresse dalla Uiltrasporti sul vertice dell’ATM non sono piaciute al direttore generale, Giovanni Foti. Questi, nella giornata di ieri, ha evidenziato come alcune forze sindacali pongano resistenze al cambiamento, alla riqualificazione dei servizi e alla riorganizzazione interna. “Cambiamento vuol dire operare delle scelte e questo desta perplessità. Adesso preferiamo la meritocrazia alla clientela e a qualcuno non piace” ha affermato sibillino il dg. “Vogliamo salvare l’azienda e far funzionare il servizio. Questo è il nostro obiettivo” ha ribadito Foti, ricordando come attualmente siano 51 i mezzi in circolazione, a dispetto delle previsioni di un mese fa, allorquando in città ne giravano una trentina. “I debiti che ci frenano – ha concluso polemicamente il numero uno dell’Atm –  sono forse colpa di questo management?”.