Lupa Roma-Reggina 3-1, le pagelle di StrettoWeb: i tre pasticci di Kovacsik, Di Lorenzo e Insigne…

lupa roma regginaLa Reggina esce immeritatamente sconfitta dallo Stadio Quinto Ricci: 3-1 per la Lupa Roma nonostante gli amaranto abbiano giocato meglio nel primo tempo, abbiano reagito bene nella ripresa meritando il momentaneo 1-1 e poi sfiorando con Armellino il 2-2 ma alla fine gli errori dei singoli hanno pesato moltissimo, e nello specifico quello – davvero clamoroso – di Di Lorenzo per l’1-0 dei padroni di casa, quello di Kovacsik in occasione del 2-1 e quello di Insigne in occasione del 3-1. Per il resto la squadra ha dimostrato passi avanti rispetto alle ultime due sconfitte contro Cosenza e Matera, non tanto dal punto di vista del gioco quando invece sulla voglia di vincere e di far bene, sulle occasioni costruite per fare gol (sette quelle nitide, oltre alla rete di Di Michele al primo gol stagionale). Non è ancora finita, ci sono dieci partite da disputare e bisogna ancora lottare.

Le Pagelle di StrettoWeb:

Kovacsik 4 Non riesce ad avere i riflessi pronti per respingere fuori dalla porta il tiro rimbalzato sul palo e con un goffo autogol manda in rete la palla che vale il 2-1 avversario.
Di Lorenzo 3 Imperdonabile il dribbling azzardato al 47° del primo tempo, a 20 secondi dalla fine del primo tempo: lo sbaglia e regala agli avversari l’1-0 allo scadere della prima frazione di gioco.
Cirillo 6 Guida bene la difesa.
Aronica 6 Non sbaglia nulla.
Gallozzi 5 Poco efficace in fase offensiva, non riesce mai a sfondare.
Armellino 5 Troppo leggero, ci mette l’impegno e sfiora tre volte il gol (su punizione nel primo tempo, poi con un tiro da fuori e con un colpo di testa da corner nella ripresa) ma senza qualità non basta.
Zibert 5 Qualche buona giocata, ma dovrebbe dettare i tempi del gioco e dare ordine alla squadra: non ci riesce praticamente mai.
Maimone 5,5 Impegno, corsa e una traversa che gli nega la gioia del gol.
Benedetti 6 Tanta corsa, è quello che punge di più.
Insigne 5 Ce la mette tutta, sfiora anche un eurogol su punizione, poi regala agli avversari il pallone del 3-1.
Viola 6 E’ il migliore nell’attacco amaranto. Segna un gol regolare sullo 0-0, si conquista un rigore nettissimo con tanto di espulsione del portiere avversario ma l’arbitro decide di annullare il gol e di non concedere il rigore. Il più pericoloso quando ha il pallone tra i piedi.

Di Michele 6 Entra nel secondo tempo, finalmente, e finalmente diventa pericoloso, segna un gol e ogni volta che ha il pallone tra i piedi riesce ad impensierire gli avversari.
Salandria 5 Entra nel finale ma colleziona solo qualche errore.
Ammirati S.V. Pochi minuti in campo nel finale.

All. Alberti 6 Con una squadra in grande emergenza, è costretto a mandare in campo da titolari Insigne e Maimone acciaccati, oltre a rinunciare a Belardi, Masini, Balistreri e Louzada tutti infortunati o squalificati. La Reggina avrebbe meritato di più, nel primo tempo le sono stati negati due rigori clamorosi e le è stato annullato un gol regolare, in uno dei rigori andava espulso il portiere avversario. La Reggina avrebbe meritato il vantaggio di 0-1 e la superiorità numerica, per quanto aveva fatto in campo. Probabilmente in questo momento staremmo parlando di una partita e un risultato diverso.