L’Itis di Oppido Mamertina all’Expo2015 per rappresentare la Calabria

La scuola della provincia di Reggio ha vinto il concorso indetto dal Miur

I ragazzi Itis per Expo 2015L’Itis di Oppido Mamertina rappresenterà l’istruzione calabrese all’EXPO di Milano. Sarà infatti l’unico istituto d’istruzione superiore secondaria della Calabria ad essere presente alla manifestazione di caratura mondiale che si terrà nel capoluogo lombardo dal 1 maggio al 31 ottobre 2015. Il progetto “Arduino e tecnologia NFC per la sicurezza, la tracciabilità e l’anti-contraffazione” proposto dall’Istituto Tecnico Industriale del centro preaspromontano, dopo essere entrato nel “Progetto Scuola Expo 2015 – Io ci sono”, è risultato tra i vincitori del concorso nazionale “La Scuola per EXPO 2015” bandito dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca (MIUR) per l’a.s. 2014-2015.

Il concorso “La Scuola per EXPO 2015”, rivolto alle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, invitava docenti e studenti a sviluppare sulle tematiche di EXPO 2015 strumenti conoscitivi e comunicativi basati sull’utilizzo delle tecnologie digitali. Ampia libertà metodologica ed espressiva vuole essere lasciata all’iniziativa di docenti e studenti, ai quali si richiede di proporre idee e realizzare percorsi di formazione interdisciplinare sul tema “Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita” e i sottotemi: “la scienza e la tecnologia per la sicurezza e la qualità alimentare”, “la scienza e la tecnologia per l’agricoltura e la biodiversità”, “l’innovazione della filiera agroalimentare”, “l’educazione alimentare”, “l’alimentazione e gli stili di vita”, “il cibo e la cultura”, “la cooperazione e lo sviluppo nell’alimentazione”.

Il progetto, sviluppato dai ragazzi delle classi VB e VC dell’Itis di Oppido Mamertina, con il quale  la scuola oppidese sarà presente nell’ esposizione universale che aprirà i battenti il prossimo 1 maggio, ha molteplici obiettivi: in primis mira a valorizzare la tradizione agroalimentare della produzione dell’olio d’oliva, che rimane il prodotto più tipico del Sud Italia; punta, inoltre, a dimostrare la fattibilità e la semplicità dell’integrazione di un sistema a microcontrollore in una filiera alimentare in grado di scrivere in un’etichetta elettronica un codice di sicurezza da cui ricavare tutte le informazioni riguardanti la tracciabilità di un certo prodotto; e infine, si pone come obiettivo quello di garantire al 100% l’autenticità dello stesso, evitando contraffazioni e tutelando così il “Made in Italy”.

Sarà un’ occasione di crescita, di aggregazione e di confronto unica per tutti i ragazzi, oltre che di valorizzazione del nostro territorio, rappresentato in una manifestazione di così alto profilo.” – ha detto Domenico Giannetta, Sindaco di Oppido Mamertina, mostrando tutto il suo orgoglio per il riconoscimento ricevuto dall’istituto oppidese – “La nostra scuola ha dimostrato ulteriormente quale livello d’eccellenza abbia ormai raggiunto. Il MIUR, attraverso la sua valutazione, ha risposto a quei pochi scettici che non riescono a spiegarsi quale sia l’effettivo valore dell’Istruzione oppidese e perchè l’ISS oppidese è considerato dalle istituzioni un centro polare per lo sviluppo dell’intera area del basso ionio tirreno della provincia di Reggio Calabria. Faccio i miei complimenti ai dirigenti scolastici, ai docenti, a tutti coloro i quali lavorano negli istituti scolastici oppidesi, ma soprattutto ai nostri ragazzi che hanno dimostrato, ancora una volta, come il nostro territorio sia una fucina inesauribile di talenti. Questa non è solo una vittoria per l’Itis, oggi ha vinto Oppido!”

Il professore Salvatore Marra, responsabile del progetto, ha illustrato gli aspetti tecnici  di quello che è risultato essere vincitore del concorso “La Scuola per l’Expo 2015”: mediante l’uso della nota piattaforma italiana open source “ARDUINO” e una scheda reader/writer NFC, si è sviluppata una tecnica che consiste nell’implementare, sul microcontrollore della piattaforma, un algoritmo in grado di leggere il codice seriale (non clonabile e non modificabile) di un TAG NFC passivo e ricavare da esso un “codice di sicurezza” da scrivere sullo stesso TAG applicato sul prodotto in esame, che diventerà pronto per essere messo in commercio. Successivamente si è progettata un’applicazione ANDROID in grado di, grazie ad un comune smartphone dotato di tecnologia NFC e all’ambiente di sviluppo Eclipse, leggere il contenuto del TAG (cioè il codice di sicurezza scritto in precedenza), “decriptarlo” ed effettuare un controllo con il codice seriale del TAG verificando effettivamente se si tratta di un prodotto autentico o meno. In caso di esito positivo, l’app ANDROID permetterà di ricavare tutte le informazioni sul prodotto, soprattutto quelle riguardanti la sua tracciabilità (provenienza, numero di lotto, data di produzione e/o scadenza, ecc.)

Dato che il prodotto più tipico della zona preapromontana è l’olio d’oliva, i ragazzi hanno denominato “Mamertino EXTRA” l’ipotetico olio extra vergine d’oliva, realizzato da un’immaginaria azienda situata nel comune sede dell’Istituto, che si intende tutelare da eventuali contraffazioni.

Il sistema che garantisce la sicurezza alimentare nei paesi dell’Unione Europea ha il preciso scopo di proteggere la salute e gli interessi dei consumatori. Per questo motivo l’Unione elabora norme di controllo per ciò che riguarda l’igiene degli alimenti, la salute e il benessere degli animali, delle piante e la prevenzione dei rischi di contaminazione da sostanze esterne, oltre a stabilire delle norme per garantire l’adeguata etichettatura di tali prodotti.

L’etichettatura dei prodotti alimentari è estremamente importante in quanto assicura che i consumatori dispongano di informazioni complete sul contenuto e sulla composizione dei prodotti, allo scopo di tutelarne la salute e gli interessi, ma può garantire anche il nostro “Made in Italy”, evitando che copie contraffatte di articoli pregiati siano prodotte e messe in commercio. A tal proposito la tecnologia NFC (Near Field Communication) si sta imponendo come una tecnologia emergente in quanto consente, attraverso l’uso di semplici chip adesivi e non denominati TAG, la creazione di etichette elettroniche non clonabili in grado di assicurare l’originalità di un determinato prodotto.