Lamezia Terme: “opportuno riaprire il carcere della città”

1400275553-0-sospesa-la-soppressione-del-carcere-di-modica“Di fronte alla grave situazione carceraria italiana e calabrese, ritengo opportuno che il Governo proceda con la riapertura della struttura di Lamezia che consentirebbe di alleggerire le altre carceri calabresi e riparare ad un errore precedentemente compiuto. Nello svolgimento del mandato di assessore regionale alle Politiche sociali ho avuto modo di visitare diverse strutture calabresi notando condizioni non sempre sostenibili dovute proprio al sovraffollamento” afferma in una nota Nazzareno Salerno, consigliere regionale della Calabria. “La detenzione non costituisce semplicemente una pena da scontare, ma ha una sua funzione educativa che viene esplicata attraverso l’avvio di diverse attività. Vi è dunque l’esigenza -continua- di consentire che le strutture siano effettivamente funzionali e che rispettino i parametri previsti e segnatamente che siano disponibili 3 mq per detenuto. Proprio in quest’ottica, pare ragionevole rivedere la decisione della chiusura adottata in passato e porre in essere quanto necessario per riaprire la Casa circondariale lametina, la quale non solo rispetta i requisiti previsti dalla cosiddetta sentenza Torreggiani, ma, diversamente da altre strutture presenti ed operative sul territorio nazionale, può raggiungere la capienza dei 100 detenuti. Una possibile soluzione potrebbe essere quella di riservare la struttura lametina ad una o più categorie di detenuti anche all’interno di un più generale processo di riorganizzazione delle carceri della nostra regione. È pertanto doveroso – conclude Salerno- promuovere ogni azione utile presso il Governo al fine di facilitare un provvedimento che va nell’interesse dei detenuti, di tutti gli operatori che lavorano nelle carceri e dei cittadini”.