Discarica di Celico: ricorso al Tar dei comitati ambientali

Discarica di CelicoDepositato il ricorso al Tar contro l’Autorizzazione integrata ambientale (Aia) ricevuta dalla discarica di Celico di gestione della Mi.Ga. srl, del gruppo Sovreco dei Vrenna, per i prossimi 12 anni. Il Comitato ambientale presilano, per mezzo del suo avvocato, Marcello Nardi, appoggiato da varie associazioni ambientaliste nazionali, ha presentato ieri il ricorso al Tribunale amministrativo “per fermare – si legge in una nota del Comitato – anche per via amministrativa lo scempio di Celico”. “Una discarica – prosegue il comunicato – le cui criticita’ sono state ampiamente palesate e il cui uso ha messo e mette a serio repentaglio la salute dei cittadini”. “Dal 23 ottobre – si legge ancora nella nota – e’ stata dunque autorizzata al suo esercizio per i prossimi 12 anni, grazie all’allungamento del termine di 5 anni di validita’ dei rinnovi ad opera del decreto governativo soprannominato “Sblocca Italia”. Un rinnovo pieno di incongruenze e di contraddittorieta’ che l’atto depositato ufficialmente oggi dall’avvocato Nardi cerchera’ di mettere in primo piano presso il tribunale amministrativo”.  “Nell’attesa dunque di un risvolto favorevole – continua il comunicato del Comitato ambientale -, e’ bene ricordare le innumerevoli illeggitimita’ venute fuori dallo studio della documentazione inerente la discarica di Celico. A cominciare dalle distanze minime dai centri abitati non rispettate, alla vicinanza da corsi d’acqua e falde acquifere, a piu’ di 900 metri sul livello del mare, alla totale incompatibilita’ della strada col traffico pesante di cui e’ oggetto, alla pericolosita’ dei materiali conferiti in quanto non trattati secondo normativa, per passare alla presenza di inquinanti nell’area, certificati dall’Arpacal, che quantomeno sconsiglierebbero l’esercizio di un’altra discarica nella zona. Dunque un’autorizzazione fortemente viziata, e dunque essenzialmente politica, contro cui il Comitato vuol far sentire la sua nelle sedi opportune”. “Nel ricordare che il ricorso dovrebbe essere affiancato da quello proposto dal Comune di Rovito attraverso i suoi legali – conclude la nota -, il Comitato si augura che come per altre realta’ critiche nella Regione, il Tribunale si pronunci favorevolmente per il blocco di una discarica illegale e pericolosa in un territorio devastato da decenni da politiche scriteriate. L’invito del Comitato alla popolazione e’ comunque quello di tenere alta l’attenzione sulla questione ed essere perfettamente consapevoli che bisogna essere disposti a qualsiasi azione nel caso l’arroganza dimostrata dalla politica e dalle istituzioni, nonche’ dai personaggi privati che si arricchiscono sul ciclo dei rifiuti, dovesse proseguire. La discarica di Celico e’ un obbrobrio inaccettabile e non la vogliamo. Il messaggio d’accompagnamento al carteggio depositato al Tar e’ dunque proprio questo: questa discarica si deve chiudere. In un modo, o nell’altro.