Cosenza: “con l’amministrazione Pd solo debiti”

comune-cosenza“Se la realizzazione e l’avvio di importanti opere quali Piazza Bilotti, Piazza Santa Teresa, il Ponte di Calatrava, la progettazione dei lavori di riqualificazione di Piazza Riforma, Piazza Europa, il riefficientamento della rete idrica, l’avvio della raccolta differenziata, la sostituzione degli impianti di illuminazione pubblica con lampade a led con un risparmio di 300ml euro/anno, l’inaugurazione del servizio di circolare veloce tra Cosenza, Rende e Unical, l’abbattimento dell’ecomostro Jolly Hotel, la restituzione a tutti i cittadini cosentini del Castello Svevo, la nascita del lungo fiume Boulevard e del viale degli artisti, le battaglie a tutela dei presidi sanitari cittadini, il ripristino di tutte quelle zone mortificate dalle vecchie amministrazioni, rappresentano “pochi fatti” consigliamo agli attenti ed illuminati politici del Pd una semplice operazione mnemonica. Basterebbe chiudere gli occhi e ritornare con la mente alla gestione della Città negli anni precedenti al 2011. In quel caso probabilmente i ricordi sarebbero sfocati e le menti annebbiate, poiché di fatti se ne sono visti ben pochi. Ma di debiti, carte alla mano, e di opere mai realizzate potremmo parlarne da qui fino all’eternità. Nonostante avesse ereditato un quadro finanziario irrimediabilmente compromesso, l’attuale amministrazione si è rimboccata le maniche ed evitando il default, con tanto di sentenza emanata dalle sezioni unite della Corte dei Conti, ha saputo pensare e soprattutto realizzare quei fatti, che oggi qualcuno fa finta di non vedere. La Città di Cosenza sta ridisegnando il proprio futuro, già predestinato dalle precedenti governance ad evolversi sotto una cappa opprimente di poteri forti e lobbies, risultando uno dei Comuni più virtuosi nell’utilizzo delle risorse comunitarie e nella gestione della raccolta differenziata. La trasformazione che Cosenza sta vivendo in tutti i suoi quartieri da sempre abbandonati e ghettizzati, basti pensare a Gergeri, non potrà certamente essere messa in dubbio da chi ha fallito per anni nella tutela dei diritti ed interessi della collettività. La Giunta Occhiuto sta attuando un comportamento uniforme con tutti i cittadini senza distinzioni politiche, mantenendo gli impegni assunti nel 2011, a differenza di chi ancora tutela posizioni palesemente di parte, soprattutto in materia di trasporto pubblico locale. Materia in Calabria misteriosamente sottratta all’applicazione dei principi comunitari di concorrenza e libera circolazione di merci e servizi. Consigliamo a chi ha gestito per anni la res publica, innalzando steccati tra le comunità dell’Area Urbana Brutia, certamente più consistenti del muro di Berlino, di recepire il messaggio chiaro degli elettori, che chiedono sempre più fatti e non parole. Basta poco. Occorrerebbe gettare giù la maschera, quella dei vecchi politici di professione. Questo sì aiuterebbe moltissimo la Calabria, giusto per restare in tema di “carnevalate” e non di “chiacchiere carnevalesche”. E’ quanto afferma il Coordinamento Cittadino Forza Italia di Cosenza.