Viareggio in festa, tra i carri spunta anche Mattarella [FOTO]

Carri irriverenti rappresentanti temi politici scottanti: Renzi, Merkel, Putin, spiccano tra gli altri

LaPresse

LaPresse

 

Ieri nel soleggiato pomeriggio di Viareggio si è svolta la prima sfilata del Carnevale italiano 2015. Tra gli altri protagonisti, di cui avevamo già svelato i volti, c’è stata la sorpresa Mattarella. Infatti, il capo di Stato eletto sabato, ha prontamente preso un posto nella parata,  anche se solo in foto data la mancanza di tempo per dedicargli una maschera di cartapesta. In onore del  neo Presidente della Repubblica ha suonato anche l’inno di Mameli. Il suo predecessore, Giorgio Napolitano, è comparso, al contrario, con la scritta ‘dimesso’. E’ stato raffigurato con pantofole davanti alla tv. Il politico più gettonato è stato il premier Matteo Renzi, presente su quasi tutte le costruzioni che hanno scelto la satira politica come linguaggio principale. Molti sono stati i carri ironici e che hanno fatto discutere come: quello dedicato a Angela Merkel, raffigurata in una sala parto che dà alla luce tanti piccoli e irriverenti Renzi; quello che raffigurava Obama; Putin; Papa Francesco, che rappresentava il paladino degli omosessuali sorretto sulle spalle da un Vladimir Putin a cui spetta il ruolo del pregiudizio.

LaPresse

LaPresse

Oltre che carri di carnevale, essi si sono dimostrati dunque un modo irriverente per mostrare e far pensare ai problemi e alla realtà politico- sociale che ci circonda. Il carnevale viareggino rappresenta perciò un modo per dare libera rappresentazione a tanti temi attuali rendendoli ridicoli o paradossali, un modo per ridere su discussioni che al contrario generano malumori nella vita normale. Uno  spazio importante è stata dedicato anche alla musica che accompagnava la parata, soprattutto con musiche di Jovanotti, Vasco Rossi, Zucchero e Ligabue. Le prossime sfilate del Carnevale si terranno l’8, il 15, il 22 e il 28 febbraio.

LaPresse
LaPresse
LaPresse
LaPresse