Sicilia, riforme Province. Paladino (Csa): “Il ddl non convince”

CSA_COORDINAMENTO SINDACALE AUTONOMO_firmatario di CCNL_enti localiIn seguito all’incontro con la 1° Commissione ARS e l’assessore regionale alla Funzione Pubblica, Ettore Leotta, il sindacato CSA ha optato per la mobilitazione del personale per porre l’attenzione sulle tante criticità del disegno di legge di “Istituzione delle Città Metropolitane e dei Liberi Consorzi”.

Convocata un’assemblea (oltre mille i dipendenti compresi i cosiddetti “contrattisti) per lunedì 23 febbraio, con inizio alle ore 10,00, nell’aula consiliare di Palazzo dei Leoni. Alla riunione sono stati invitati i deputati messinesi all’ARS e lo stesso assessore Leotta.

“Il DDL che in settimana dovrebbe passare all’esame dell’Assemblea – afferma il responsabile aziendale del CSA, Santino Paladinonon ci convince. Solo in apparenza, infatti, viene garantito il mantenimento dei livelli occupazionali. La realtà è diversa, perché nei fatti non vengono garantiti tutti i posti in organico nei nuovi enti e non sono specificate, peraltro, le forme di finanziamento delle nuove funzioni”.