Scontro tra un pullman di studenti ed un tir: 40 feriti, 3 in gravi condizioni

imagesUna gita a Budapest di una quarantina di studenti liguri, geometri e ragionieri del terzo e quarto anno dell’istituto Patetta di Cairo Montenotte, nel savonese, poteva finire in tragedia: il pullman sul quale viaggiavano si è scontrato, ieri sera tardi, con un camion sull’autostrada A21 vicino a Corte de’ Frati, nel Cremonese. Il mezzo, praticamente distrutto, è finito in una scarpata e si è appoggiato su un fianco sul terreno. Venticinque in tutto sono i feriti e i contusi: tre di loro in gravi condizione, i due autisti che si alternavano alla guida e un ragazzo (e non un insegnante, come sembrava in un primo tempo). Certamente un gravissimo incidente, ma che avrebbe potuto avere conseguenze ben più gravi a guardare semplicemente le lamiere accartocciate e i vetri infranti dell’autobus. Sul posto sono intervenute molte ambulanze e auto mediche provenienti dall’ospedale maggiore di Cremona e da ospedali della Bassa Bresciana e diversi mezzi dei vigili del fuoco. E’ stato subito chiuso un tratto di autostrada, fra i caselli di Pontevico (Brescia) e Cremona Nord in direzione del capoluogo, per facilitare i soccorsi coordinati dalla polizia stradale e il lavoro dei medici e degli infermieri. Una decina di studenti sono stati trasferiti negli ospedali di Brescia, Manerbio, Montichiari e Cremona. Una quindicina sono stati medicati sul posto. La gran parte degli studenti abita nella zona di Ceva. Le famiglie sono state avvisate dalle forze dell’ordine e dalla polizia stradale cremonese che ha coordinato gli interventi. Le ipotesi sulle cause dell’incidente sono principalmente due: il conducente del camion ha avuto un malore, un colpo di sonno – sempre che non si sia trattato di una disattenzione – e ha colpito il pullman fermo in una piazzola di sosta. L’altra ipotesi e’ che il mezzo pesante in un sorpasso abbia toccato l’autobus spingendolo fuori strada. Al momento l’attenzione è però tutta concentrata sui soccorsi e sulle condizioni di salute degli studenti e in particolare dei tre feriti gravi.

Foto di repertorio