S. Filippo del Mela, Edipower: continua la protesta dei lavoratori

protesta edipower 7 febbraioSenza risposte e mentre cresce la paura di perdere il posto di lavoro anche ieri i lavoratori diretti e dell’indotto della centrale Edipower di San Filippo del Mela sono tornati per il secondo giorno consecutivo a protestare davanti ai cancelli dell’impianto. Accanto ai lavoratori i rappresentanti di Filctem-Cgil Uiltec-Uil Fiom-Cgil Uilm-Uil e Flaei-Cisl.

Sospese in tutta l’area dell’impianto le prestazioni di lavoro straordinario, sindacati e lavoratori procedono a programmare un calendario di ulteriori azioni di lotta che serva a spingere istituzioni e azienda finora sorde a costruire un vero progetto industriale capace di garantire un futuro produttivo per quello che è rimasto uno degli ultimi presidi occupazionali del territorio.

In questo quadro – osservano i sindacati – la contrapposizione tra ambiente e lavoro appare non solo mortificante perché tende a sottintendere uno scambio tra due diritti inalienabili che sindacato e lavoratori non hanno mai accettato e difeso ma anche e soprattutto pericolosa perché creata ad arte per confondere le ragioni e per lasciare tutto com’è penalizzandoli entrambi.

Il CSS – ribadiscono sindacati e lavoratori – è finora solo una sigla che non dice nulla perché nessun progetto che definisca come e se funzioni é mai stato presentato. Lo sbracciarsi o peggio ancora l’evocare paure su una collettività già fortemente provata in tal senso è quindi da irresponsabili.

Sindacato e lavoratori sanno perfettamente che il lavoro non si difende con un progetto qualsiasi e perciò hanno sempre preteso che azienda ed istituzioni individuino una ipotesi industriale nuova che coniughi realmente sicurezza ambiente e lavoro. Perché i tre temi si reggono insieme ed anche perché la storia di questa area avrebbe dovuto suggerire già da tempo che senza lavoro c’è povertà e abbandono e che solo con gli investimenti si possono garantire dignità diritti sicurezza ed ambiente.