Ricatto ‘hard’ dopo il contatto on-line: denunciata una reggina e un cosentino

ricatto hard onlineUna 32enne di Reggio Calabria e un 37enne della provincia di Cosenza dovranno rispondere del reato di estorsione: avevano raggirato on-line un 35enne riminese. Sono stati denunciati dalla polizia postale di Rimini. Tramite un social network, con un falso profilo di una inesistente ragazza avvenente, lo avevano convinto a spogliarsi davanti alla webcam e poi ricattato. I due infatti avevano registrato l’uomo, per poi appunto ricattarlo: se non voleva che le sue immagini venissero postate sul suo profilo o messe in rete avrebbe dovuto pagare. Dopo le prime due richieste di denaro, da 220 e 160 euro, alla terza richiesta l’uomo si e’ rivolto alla postale per denunciare l’accaduto. Gli agenti hanno tracciato il flusso di denaro dei due pagamenti su Postepay e sono arrivati a Reggio Calabria e Cosenza dove il 37enne e la 32enne avevano chiesto l’attivazione delle carte con i loro documenti autentici. Dopodiche’ i poliziotti sono arrivati, anche con i loro indirizzi Ip, ai loro indirizzi di casa e ai numeri di cellulare. Il computer dei due calabresi e’ stato sequestrato per verificare se siano state acquisite immagini di altre persone raggirate con lo stesso sistema.