Reggio: “si sta lavorando per istruire il Garante dei diritti dei detenuti”

imagePresso la sede del Parlamento Europeo, promosso dal Forum nazionale dei giovani e dall’on. Brando Benifei, e’ in programma un’ importante tavola rotonda dal titolo : <Diritti umani e dei detenuti. Quale futuro ? > . Ai lavori prenderanno parte , oltre a all’On.Brando Benifei PSE co-promotore dell’iniziativa, Luigi Iorio, coordinatore del gruppo di lavoro ”Diritti umani” FNG, Matteo Guidoni, membro del direttivo nazionale FNG con delega alle carceri, Stefano Felician, membro Youth forum, Gianpiero Milani ,Advisory council, Antonino Castorina autore del saggio “Viaggio nelle  carceri”, l’On. Lugi Morgano PSE, l’On.Lara Comi PPE e il Vicepresidente del Parlamento europeo ANTONIO Tajani. Il problema del sovraffollamento carcerario nel nostro Paese è stato un fenomeno strettamente interconnesso alla tematica della legalità; diventa  un paradosso, infatti , far vivere chi non ha recepito il senso di legalità in una situazione di  non corrispondenza tra quanto normativamente definito e quanto attuato e vissuto, di norma,  in condizione di palese violazione dei diritti umani.  I dati forniscono un quadro in aumento della popolazione carceraria italiana nell’ultimo decennio, il che  ha generato un forte sovraffollamento degli istituti di pena ed un consequenziale  deterioramento delle qualità della vita dei detenuti. Grazie ad importanti interventi strutturali e ad un interessamento serio di Andrea Orlando sul tema, nell’ultimo anno, però, le cose sono in evidente miglioramento . Il sovraffollamento delle carceri risulta meno dilagante che in passato.  In soccorso alla vicenda sono intervenute diverse leggi cosiddette “svuota-carcere”; da ultima la L.10-2014 con la quale il legislatore è intervenuto al fine di implementare le misure alternative, l’istituzione del garante dei detenuti e  la ridefinizione del piano carceri. Da qui l’idea di portare anche in ambito europeo una discussione, spesso ritenuta di secondo piano, ma che riguarda il rispetto dei diritti umani e, quindi, la dignità della vita e la garanzia della costituzione e dei dettami comunitari .  Antonino Castorina, capogruppo del Pd in Consiglio comunale di Reggio Calabria e responsabile legalità dei giovani democratici , ritiene “importanti i passi avanti fatti dal governo Renzi ed il lavoro meticoloso di controllo e monitoraggio che fanno alcuni parlamentari come Enza Bruno Bossio, Roberto Speranza o Danilo Leva, di concerto con il partito il cui settore carceri e’ ben guidato da Sandro Favi. A Reggio, come in altri importanti grandi comuni del Mezzogiorno si sta già lavorando per istruire il Garante dei diritti dei detenuti che dovrà in modo costante monitorare la situazione carceraria nel Comune di riferimento  e supportare l’enorme mole di lavoro presente negli istituti detentivi a rispetto e garanzia dei diritti umani”.