Reggio, omicidio Costantino: confermate pene di 30 anni per mandante ed esecutore

Confermati 30 anni di reclusione per mandante ed esecutore

tribunaleSono stati confermati dalla Corte d’assise d’appello di Reggio Calabria, 30 anni di reclusione ciascuno per Bruno Stilo e suo nipote Fortunato Pennestri’, considerati rispettivamente mandante ed esecutore materiale dell’omicidio di Angela Costantino, giovane moglie di Pietro Lo Giudice, scomparsa il 16 marzo 1994. Secondo la ricostruzione della pubblica accusa, la morte della donna sarebbe stata decisa in seno alla famiglia, quale punizione per una relazione extraconiugale iniziata quando il marito era in galera: prima costretta ad abortire, successivamente sarebbe stata strangolata in casa propria, e il suo corpo fatto sparire.