Reggio, ‘ndrangheta: utilizzarono esplosivo della “Laura C”, 8 nuovi arresti

I soggetti arrestati corrispondono a esponenti della cosca ‘Franco’ di Reggio Calabria per conto dei quali era stato detenuto l’esplosivo sequestrato dai carabinieri

CarabinieriNella trascorsa notte, i Carabinieri del Comando Provinciale di Reggio Calabria hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di applicazione di custodia cautelare, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Reggio Calabria su richiesta della locale Direzione Distrettuale Antimafia, a carico di 8 soggetti riconducibili alla cosca”Franco”.
Contestualmente all’esecuzione dei provvedimenti è stata data esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo in via d’urgenza emesso dalla DDA di Reggio Calabria, di alcune imprese (quote sociali, annesso patrimonio aziendale e conti correnti), numerosi immobili, beni mobili, autoveicoli e mezzi d’opera, Rapporti Bancari e Prodotti Finanziari, per un valore complessivo di circa 10 milioni di Euro.
I dettagli dell’operazione, naturale prosecuzione dell’operazione convenzionalmente denominata “TNT” dello scorso aprile 2014, verranno resi noti durante la conferenza stampa alla presenza del Dott. Federico Cafiero de Raho, Procuratore della Repubblica di Reggio Calabria che si terrà alle ore 12:00 presso il Comando Provinciale Carabinieri di Reggio Calabria.