Reggio, i primi 100 giorni di Falcomatà: “chi di speranza vive, disperato muore”

renzi falcomatà (3)Dopo le elezioni del 26 ottobre scorso, il Sindaco Giuseppe Falcomatà s’è insediato ufficialmente a Palazzo San Giorgio con la proclamazione del 29 ottobre, esattamente 107 giorni fa. Ha poi impiegato quasi tre settimane per definire la sua squadra di governo e il 15 novembre ha presentato ufficialmente la nuova Giunta comunale, esattamente 90 giorni fa. Tre mesi abbondanti, quindi, e oltre cento giorni per valutare il suo primo impatto sulla città. StrettoWeb ha chiesto ai propri lettori una prima opinione sull’azione amministrativa del nuovo Sindaco. Ecco i messaggi dei cittadini:

 “Ho visto ancora inutili scontri politici destra contro sinistra, a chi aggiudicarsi pseudo meriti. Io ho scritto più di una volta al nostro sindaco ,ma sicuramente non né ha avuto modo di leggere le mie inutili lettere, è cioè riguardo alla situazione disastrosa di un via cittadina denominata VIA S.AGATA AL FIUME sita in Arangea. Perdite di acqua a go go, sporcizia, buche e intralci vari alla circolazione.Pensate che a dicembre siamo stati senza acqua 27 giorni è nessuno ci ha filati, poi il rimedio è arrivato dal sistema “ arrangiati da solo”. Mentre scrivo una perdita importante di acqua fuoriesce da più di una settimana, e nessuno interviene. Ma a parte la mia via in 100 giorni da sindaco non ho visto tutta sta pulizia menzionata dal primo cittadino, vedi i servizi della trasmissione striscia la notizia , delle varie strade ancora piene di spazzatura (cito via S.Antonio Arangea) tanto per dirne una. Oggi come tanti altri cittadini girando la città ho trovato un mare di occupanti abusivi del suolo pubblico (cosa che l’ex sindaco Falcomatà non avrebbe permesso) quindi niente controllo , tutti negozianti e ambulanti sono padroni del suo tratto di marciapiede, auto abbandonate ad occupare posti utili ad altre auto, concessionarie che parcheggiano decine di auto in esposizione,gente che parcheggia sulle corsie di marcia (vedi via s.francesco da paola).  E ancora per citare delle cose la confusione nella raccolta differenziata, ritirano i bidoni grandi per darti un secchio dove non ci metti nulla , (a parte che devi capire dove ritirarlo perché a casa non te lo porta nessuno). Ecco la mia visione signor Sindaco, questo non è un attacco io non ho votato nessuno ne destra ne sinistra e ne sono orgoglioso, ma deve capire che ci avete stufati. Se volete lavorare, lavorate, in silenzio facendo grandi cose”. Francesco