Reggio: con i cinofili del gruppo operativo Calabria a scuola di legalità Palizzi Marina [FOTO]

CINOFILI 3Nell’ambito della campagna di promozione della “Cultura della Legalità” negli istituti scolastici di ogni ordine e grado che, come ogni anno, il Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri ha avviato su tutto il territorio nazionale, si è svolto ieri, 7 febbraio, il primo di una serie di incontri sulla legalità tra i Militari della Compagnia Carabinieri di Bianco e gli alunni dell’Istituto Comprensivo Bova Marina-Condofuri, sede “Vittorina Alampi” di Palizzi.

I militari hanno fatto visita a circa 60 alunni delle classi 5^ elementare e medie i quali, accompagnati dai loro docenti, hanno assistito alla dimostrazione attuata dalle unità cinofile – “antidroga” e “per esigenze di polizia” – del Nucleo Cinofili del Gruppo Operativo Calabria di Vibo Valentia, che impiega su tutto il territorio regionale unità cinofile per “esigenze dell’Arma dei Carabinieri”, ovvero addestrate ai compiti di difesa, ordine pubblico e ricerca di persone scomparse, “antidroga”, in grado di individuare la presenza di sostanze stupefacenti in qualsiasi ambiente e “anti esplosivo”, per ricercare armi e munizioni, nonché esplosivi di vario tipo.

CINOFILIIn particolare è stata simulata un’operazione di ricerca di sostanze stupefacenti, che ha particolarmente attratto e divertito gli alunni, entusiasti della movimentata ricerca e dell’immediato rinvenimento della sostanza utilizzata per la dimostrazione. Altresì è stato un saggio delle potenzialità dell’unità cinofila “per esigenze di polizia”, facendo eseguire, alla stessa, una serie di c.d prove di obbedienza, a sottolineare l’indissolubile vincolo che lega il cane al suo conduttore, nonché l’elevato livello di addestramento raggiunto.

Presenti: Don Leone Stilitano, Parroco di Palizzi e docente e la responsabile del pelsso, prof.ssa Vittoria Aiello.

CINOFILI 2L’iniziativa rientra nel progetto “Cultura della legalità”, la cui attuazione è stata possibile grazie al D.S., Dott.ssa Irene Mafrici. La scuola e le forze dell’ordine insieme per un unico obiettivo: rafforzare la consapevolezza che la legalità è il pilastro della convivenza civile e, solo mettendo in sinergia tutte le istituzioni, le associazioni, le agenzie educative del territorio in un percorso di convergenza verso la scuola, si può trasmettere il messaggio che le diverse educazioni non sono compartimenti stagni, ma aspetti di una realtà unica che abbraccia la vita dell’individuo in modo completo e continuo. Le attività che si sono svolte nel corso della mattinata servono, dunque, a prevenire le situazioni di disagio, la devianza, i comportamenti a rischio, purtroppo ricorrenti tra gli adolescenti, e a costruire condizioni di benessere con se stessi, con gli altri e con l’ambiente. Per la prima volta i ragazzi della Scuola Secondaria assistono ad una dimostrazione delle unità cinofile dei Carabinieri.