Reggina, Di Michele non ci sta: “Reggio è nel mio cuore, non sono un traditore e Foti…”

di micheleNon rientra più nei piani della Reggina e sembra destinato a concludere la stagione ai margini della squadra per volontà della società, ma David Di Michele non vuole abbandonare la squadra proprio nel momento di difficoltà e intervenuto a Antenna Febea alla trasmissione “Talk Sport” il calciatore chiarisce la propria situazione: “sono stato due mesi senza dire nulla, adesso parlo perchè tutti devono sapere quello che è successo; dopo la partita contro l’Ischia il Presidente Foti mi ha allontanato, mi ha detto che voleva giocare con i giovani e che quindi non puntava più su di me. La rescissione del contratto l’ha chiesta Foti non io; sono un professionista non mi tiro indietro davanti alle difficoltà, Reggio Calabria ce l’ho nel cuore e l’ho sempre dimostrato in campo. Il contratto scade nel 2017, a giugno sono venuto incontro alla Reggina senza pensarci due volte, c’era un  progetto per rimanere in società anche dopo la scadenza, se Foti mi chiama per essere reintegrato io torno anche oggi a disposizione”.

di michele reggina

Sulla possibile rescissione l’attaccante dichiara: “al momento è molto difficile, può avvenire ma solo alle mie condizioni; sono state  dette tante falsità nei miei confronti, la gente deve sapere le cose come stanno. Sentire i tifosi per strade darmi del traditore mi fa stare male, io sono quello che mi sono comportato meglio, ancora mi viene rinfacciata la retrocessione dalla serie B, ma mi sembra che la squadra l’hanno costruita altri. Non rinuncio ai soldi perchè non ho voluto lasciare io la squadra, ho rinunciato a tanti soldi e anche con il mio contributo ho permesso alla squadra quest’anno di iscriversi al campionato. Non mi aspettavo un simile comportamento dalla società, io sono il primo tifoso della Reggina, ancora sono vicino ai miei compagni, li sento sia prima che dopo le partite. Infine su Insigne: “Ha sbagliato ma ha 20 anni, può capitare, sicuramente è stato consigliato da persone sbagliate. L’importante è chiarire tutto, Insigne è un calciatore sopra la media per la categoria e può dare un contributo decisivo alla risalita”.