Palermo, operazione “Apocalisse 2″: nel mirino dei boss gli appalti della Curia

Insieme a due imprenditori della provincia sono ricostruite nell’inchiesta altre 13 estorsioni ad altrettanti imprenditori che hanno collaborato con le forze dell’ordine

CarabinieriGli ordini di custodia cautelare eseguiti dai carabinieri nell’ambito dell’operazione “Apocalisse 2″ che ha portato anche all’arresto del consigliere comunale Giuseppe Faraone sono complessivamente 27. A finire nel mirino degli estortori anche l’impresa che lavorava per conto della Curia nella costruzione di un grande immobile tra via Maqueda e discesa dei Giovenchi, a Palermo. Un grosso appalto che avrebbe fruttato alle casse dei boss 30 mila euro: 15 mila a Palermo e 15 mila a Bagheria come hanno raccontato i collaboratori di giustizia. Insieme a due imprenditori della provincia sono ricostruite nell’inchiesta altre 13 estorsioni ad altrettanti imprenditori che hanno collaborato con le forze dell’ordine.