Palermo, il consigliere Faraone non risponde al gip

arresti manetteSi è avvalso della facoltà di non rispondere il consigliere comunale di Palermo Giuseppe Faraone, arrestato ieri nel corso di un’operazione antimafia. E’ accusato di avere fatto da intermediario tra gli estorsori di Cosa nostra e un imprenditore taglieggiato. Il suo legale ha chiesto al giudice di concedere gli arresti domiciliari al consigliere che soffrirebbe di una grave forma di asma. Dopo l’arresto ha avuto, invece, un infarto Salvatore Mendola, finito in manette con Faraone.