Palermo: 30 arresti per estorsioni e rapine, c’è anche un consigliere comunale

Tra gli arrestati anche un consigliere del Comune di Palermo, che deve rispondere di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso

arresti-manetteMafia, estorsioni, rapine sono i reati contestati a una trentina di persone arrestate a Palermo nell’ambito dell’operazione “Apocalisse 2″, condotta dai militari del Nucleo investigativo dei carabinieri e del Nucleo speciale di Polizia valutaria della Guardia di finanza e da agenti della Squadra Mobile di Palermo. Numerose le vittime che sono uscite dall’omerta’ e hanno ammesso di essere state costrette a pagare il “pizzo”. Tra gli arrestati anche un consigliere del Comune di Palermo, che deve rispondere di tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso. L’indagine e’ il frutto di sviluppi investigativi del primo segmento dell’operazione “Apocalisse”, che il 23 giugno scorso aveva portato a 95 arresti, con la scoperta dei capi e degli affiliati dei mandamenti di Tommaso Natale e di San Lorenzo. Tra i boss arrestati allora, Girolamo Biondino, fratello di Salvatore, autista di Toto’ Riina, e Vito Galatolo. Quest’ultimo si era subito pentito e aveva iniziato a collaborare con gli inquirenti. E’ lui che ha parlato del progetto di attentato contro Nino Di Matteo, uno dei Pm del processo per la trattativa Stato-mafia.

Il consigliere comunale arrestato e’ Giuseppe Faraone, 69 anni, ex esponente del centrodestra ora passato alla lista del governatore Crocetta Il Megafono, accusato di concorso in tentata estorsione: avrebbe chiesto soldi a un imprenditore per conto del boss di San Lorenzo Francesco D’Alessandro. Giuseppe Faraone, ex deputato regionale e poi assessore provinciale, e’ stato esponente dell’Udc e si e’ candidato con la lista Amo Palermo al consiglio comunale prima di approdare al Megafono, risultando nel 2012 il primo dei non eletti al parlamento siciliano con 2.085 voti. L’ordine di custodia cautelare nei suoi confronti e’ stato firmato dal gip Luigi Petrucci, su richiesta del procuratore aggiunto Vittorio Teresi e dei sostituti Francesco Del Bene, Amelia Luise, Annamaria Picozzi, Dario Scaletta e Roberto Tartaglia.