Messina, nuovo disegno sulle Province. La Cisl applaude: evitata la polverizzazione del territorio

FOTO PALAZZO DEI LEONI  MESSINA - ARCHIVIOOpportuna e necessaria la rivisitazione della legge regionale di riordino delle Province e delle città metropolitane che può essere salutata positivamente in quanto mette ordine alla confusione ingenerata con la famosa legge “Giletti” di Crocetta. Così Calogero Emanuele, segretario generale della Cisl Fp Messina, sul nuovo disegno di legge che, fermo restando l’elezione degli organi di governo con il sistema indiretto di secondo grado, prevede che il territorio delle Aree Metropolitane “e nel nostro caso Messina, coincide con quello della ex Provincia Regionale e vengono esercitate dalle aree le funzioni già attribuite alle rispettive Province regionali”.

Ulteriori garanzie vengono dettate in ordine alla continuità, all’efficienza nello svolgimento delle funzioni e nell’erogazione dei servizi a favore degli utenti, comprese le risorse umane connesse all’esercizio delle funzioni trasferite ai nuovi Enti di area vasta, garantendo la copertura degli oneri derivanti dall’esercizio delle funzioni e dei compiti conferiti, nel rispetto dell’autonomia organizzativa e di programmazione degli Enti medesimi, confermando anche il modello di relazioni sindacali vigente

Il personale degli Enti soppressi – continua Calogero Emanuele – conserva la posizione giuridica ed economica, con riferimento alle voci del trattamento economico fondamentale e accessorio, in godimento all’atto del trasferimento, nonché l’anzianità di servizio maturata e quindi con i mantenimento della posizione giuridica ed economica in godimento, compreso il diritto ai compensi di compensi di produttività, la retribuzione di risultato e le indennità accessorie”.

Resta la previsione dell’Albo Unico dei dipendenti dei liberi Consorzi comunali e delle Città metropolitane, in cui vanno iscritti tutti i dipendenti in servizio con contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato e determinato ma solo per attingervi per far fronte alle carenze di personale.

Auspichiamo – afferma il segretario generale della Cisl FP Messina – che l’Assemblea Regionale Siciliana passi all’approvazione di questo nuovo disegno di legge per fare chiarezza definitiva e mettere in sicurezza servizi e personale delle ex Province che in questi due anni hanno vissuto momenti di tribolazione e confusione”.