Melito P.S. (Rc): “problemi riguardanti il rilascio di autorizzazioni per la stagione 2015″

Ombrelloni_in_Spiaggia“Ancora una volta non mancano problemi per gli imprenditori balneari. Questa volta il nostro sindacato è stato sollecitato dai soci che operano nel comune di Melito Porto Salvo, i quali lamentano vari problemi riguardanti il rilascio di autorizzazioni per la stagione 2015. Facendo nostro il grido di dolore degli imprenditori balneari melitesi abbiamo indetto subito una riunione straordinaria presso Il Villaggio la Zagara di Melito Porto Salvo per giorno 20 Febbraio 2015 alle ore 15.00, per ascoltare tutte le problematiche, e organizzare un’incontro urgente con i vertici dell’ufficio tecnico dove pare ci siano stati diversi avvicendamenti alla guida, negli ultimi tempi. Ci auguriamo di trovare un serio interlocutore nei Commissari Prefettizi considerato che la materia del demanio marittimo è complessa. Sarà l’occasione per far capire loro che i balneari oltre ad essere una risorsa per il territorio melitese sono imprenditori che voglionorispettare le regole” afferma in una nota il Direttore Generale del Cna Balneatori Calabria Massimo Nucera.
“A questo punto una domanda sorge spontanea. O chi dovrebbe applicare le norme sul demanio marittimo non è all’altezza di farlo oppure, e qualche dubbio lo riponiamo, queste norme sono davvero troppo complesse. Come Direttore Generale del Cna Balneatori Calabria – continua Nucera- vorrei porre all’attenzione dell’opinione pubblica una riflessione: sono anni che partecipo a livello nazionale e mi confronto con tutti i balneari d’Italia ma le problematiche afferenti il demanio marittimo che riguardano la nostra regione sono un’amara peculiarità tutta calabrese. In più, quando dico che i comuni calabresi non possono rilasciare nuove concessioni perché una legge regionale ha bloccato tutto, i miei interlocutori mi guardano e mi dicono “allora la Calabria sta recando un danno erariale allo Stato perché non rilasciando nuove concessioni lo Stato non può incassare il canone demaniale”. A questo punto, mi chiedo: perché non sedersi intorno ad un tavolo e risolvere una volta per tutte questa situazione grottesca che riguarda il demanio marittimo calabrese? Qui, invece, di essere al fianco degli imprenditori, i burocrati fanno le prime donne. Nei prossimi giorni sarò a Carrara per un incontro tra i vari rappresentanti del settore e, questa volta, porterò il caso calabrese alla ribalta nazionale per il danno Erariale che la Calabria sta arrecando allo Stato. E’ giusto che chi sbaglia paga ma se la pubblica amministrazione non funziona noi cosa possiamo fare? Oggi regna il caos più assoluto ed a pagarne le spese sono sempre gli imprenditori del settore che si trovano a subire sequestri senza che, a livello politico, alcuno si assuma la responsabilità di questo status quo. A questo punto – conclude- diamo appuntamento sia a tutti gli iscritti che ai cittadini ed ai commercianti melitesi, al venti febbraio presso il Villaggio “La Zagara””.