Libia, 2.800 uomini e 100 mezzi fuori Sirte: “diamo tempo allo Stato islamico per evitare un bagno di sangue”

libia SirteCome era nell’aria, l’Egitto ha inviato in Libia una forza di terra contro l’Isis/Isil. Forze speciali delle unita’ 777 e 999 hanno compito nella notte un’incursione a Derna, roccaforte del Califfato nel paese nord africano, catturando 55 elementi del Daesh. Parallelamente, l’aeronautica del Cairo ha compiuto nuovi raid contro le postazioni dei miliziani allo scopo di non permettere loro una risposta all’azione di terra. L’obiettivo era duplice. Da una parte raccogliere informazioni e valutare sul terreno quale sia la capacita’ difensiva/offensiva dei jihadisti, nonche’ l’armamento e i sistemi di cui dispongono. Dall’altra, colpire lo Stato Islamico in Libia al cuore, inviando un messaggio molto chiaro: Siamo pronti a colpirvi ovunque e duramente. L’intervento a terra, peraltro, e’ stato coordinato con le autorita’ libiche a cui Il Cairo ha inviato in questi giorni una richiesta di autorizzazione, giunta in serata. I fondamentalisti, invece, continuano a combattere a Sirte dopo che nelle ultime ore hanno perso parte del controllo della citta’ e hanno rinforzato la loro presenza a Tripoli, temendo un’offensiva delle forze regolari libiche.