Lettera a StrettoWeb: “degrado ed incuria deturpano Reggio”

spiaggia reggio calabria lungomareLettera al direttore di StrettoWeb di una cittadina di Reggio Francesca Ripepi:

Ho aspettato quattro mesi dall’insediamento del nuovo sindaco di Reggio Calabria per fare una considerazione su questa città da cittadina che la vive e la ama.Ho atteso pasientemente che il 60% degli elettori del Sindaco Falcomtà cominciasse a tirar fuori un minimo di civiltà e rispetto verso Reggio. Civiltà fatta di piccoli gesti quotidiani che ci portassero a scalare un gradino alla volta la classifica delle città più vivibili.Lo ho atteso anche dal 70% dei cittadini che anni addietro votarono per Giuseppe Scopelliti e ancora dai cittadini che governati dai Commissari Straordinari avevano il dovere di tirare fuori orgoglio e dignità e ridare lustro a questa città. Ma nulla è successo le parola civiltà, rispetto e orgoglio sembrano essere termini sconosciuti ai tantissimi che ogni giorno deturpano e contribuiscono al degrado della nostra bella città che ogni giorno viene violentata. Spazzatura abbandonata fuori dai cassonetti per la pigrizia di fermarsi e fare la cosa giusta, parcheggi selvaggi in doppia e tripla fila, suv che hanno trasformato le nostre belle spiagge in strade, discariche a cielo aperto per il fastidio di recarsi all’isola ecologica. Bene di questi esempi ne potrei fare a centinaia, esempi cattivi di cittadini incivili che rivendicano diritti dimenticando i doveri. E allora prima di sparare a zero sulla politica passata pensiamo ai reggini gente disfattista che non vuole crescere e diventare gente per bene genitori di quei figli che domani continueranno a non amare Reggio. Il lontano ricordo della frase detta anni fa dal sindaco Cacciari risuona nella mia testa tutte le volte che vedo l’ inciviltà avanzare se prima mi indignavo ora dico che aveva ragione. Se la politica dà gli atti di indirizzo la gente di Reggio ha il dovere di amare questa città e rispettarla. Sempre che se ne abbiano le capacità e la voglia”.