Lecce-Messina 2-1, le pagelle di StrettoWeb. Bene Spiridonovic e Cane, Ciciretti spaesato

Foto © Paolo Furrer

Foto © Paolo Furrer

Ennesima sconfitta per un Messina che non riesce ad abbandonare la zona play-out e continua a rimandare l’appuntamento con la vittoria. Il bottino di un solo punto in tre giornate è davvero poco, anche se due delle gare sono state disputate in trasferta. Dopo la sconfitta di questa sera contro un Lecce apparso tutt’altro che irresistibile la corsa salvezza sembra ancora più in salita.

Ecco le pagelle dei giallorossi:

Iuliano, voto 5 - Nessuna responsabilità sui gol subiti ma il suo continuo ritardo nel battere le rimesse dal fondo gli costa un giallo che vuol dire squalifica. Un passaggio grottesco per Stefani stava per mandare in gol Moscardelli se il guardalinee non avesse ravvisato offside.

Cane, voto 6,5 - Costante nella sua spinta nella corsia esterna. Se tutti i suoi compagni mettessero in campo il suo stesso impegno magari potremmo assistere a prestazioni più piacevoli.

Rullo, voto 5,5 - Forse tradito dall’emozione l’ex giallorosso compie un’ingenuità agganciando Moscardelli in area a due passi dal direttore di gara.

Damonte, voto 6 – Bello l’assist che ha mandato in rete Spiridonovic, per il resto poco da segnalare.

Mancini, voto 6 – Finché ha carburante riesce a coprire bene il ruolo di play basso davanti alla difesa rincorrendo spesso gli avversari.

Ciciretti, voto 5 – Lontano parente del Ciciretti che abbiamo ammirato nelle scorse settimane. A volte sembra quasi nascosto tra le maglie giallorosse, e in altre ancora

Ciciretti, Foto © Alfano/Activa

Ciciretti, Foto © Alfano/Activa

evidentemente spaesato nel nuovo ruolo in mezzo al campo.

Orlando, voto 5,5 – Solita prestazione di sacrificio per l’attaccante peloritano che ormai si è rassegnato all’idea di dover macinare chilometri con la speranza di poter aver almeno un pallone giocabile da vera punta nell’arco dei 90 minuti.

Corona, voto 5,5 – Mette lo zampino nell’azione del gol, ed è forse questa l’unica azione degna di nota. Per il resto si fatica ad intravedere la sua presenza in campo.

Spiridonovic, voto 6 – Prima volta da titolare e primo centro con la maglia biancoscudata. Se solo fosse stato servito più spesso magari avremmo raccontato di un esordio da incorniciare.

Leggi anche: Al Messina non basta il gol di Spiridonovic, il Lecce non fatica e passa 2-1