Export, Confapi Calabria guarda al Brasile

conferenza brasile al centro Serena Collorafi«Confapi Calabria  stabilirà un protocollo di intesa con la Camera di Commercio italiana in Brasile e con il Consolato di Cearà per aiutare le PMI calabresi interessate a sviluppare il proprio business nel promuovere azioni di marketing, in stretta collaborazione con le Istituzioni locali».

Ad affermarlo la responsabile export di Confapi Calabria Serena Collorafi che ha partecipato alla conferenza organizzata dall’Assessorato all’Internazionalizzazione del comune di Cosenza in partership con la Camera di Commercio.

«Il Brasile è un Paese  ad alto potenziale commerciale, e la regione del Cearà, in particolare,   risulta essere la più appetibile per il Made in Italy – ha spiegato Serena Collorafi a margine dell’incontro. Situata nella parte nord-est del Brasile, cresce con un PIL pari al +3,5% quando quello medio Brasiliano si attesta intorno al +0,8% (dati 2014). Per questo puntiamo ad avviare degli scambi soprattutto nel settore enograstronico, fortemente richiesto anche nella zona di Fortaleza».

L’esportazione è uno dei punti di forza di Confapi Calabria che, su incipit del  presidente Francesco Napoli, è fortemente impegnata ad avviare rapporti di sinergia e collaborazione con molti Paesi emegenti, come ad esempio quelli magrebini su cui si sta già lavorando.

«Aprirsi al mercato brasiliano potrebbe rappresentare per le aziende calabresi un’importante occasione di crescita e sviluppo di nuovi business. Tra l’altro, proprio nell’area amazzonica di Manaus – ha concluso Serena Collorafi -  sta nascendo una Free Trade Zone dove sarà possibile operare con sgravi fiscali e doganali, un motivo in più per investire in questo territorio».