Emergenza maltempo e nevicate: anche in Calabria fino al momento pochi disagi sulle strade Anas

autostrada con la neveContinua l’emergenza maltempo sull’intera penisola e secondo l’ultimo bollettino della Protezione Civile si prevedono, dal  tardo pomeriggio di oggi e per le successive 24-36 ore, temporali e precipitazioni nevose su Veneto, Emilia-Romagna, Marche, Lazio, Umbria, Abruzzo, Molise e Puglia, in estensione dalla prossima notte su Basilicata, Calabria e Sicilia. Le avverse condizioni meteo degli ultimi giorni hanno interessato anche le principali arterie stradali e autostradali della rete Anas di 25 mila km, ma non sono state segnalate particolari criticità o blocchi di lunga durata della circolazione. Qualche problema e’ stato causato solo dai mezzi pesanti incolonnati o intraversati perché sprovvisti di catene sui tratti stradali particolarmente innevati. Complessivamente, su tutta la rete, l’Anas ha mobilitato oltre 2300 persone (tra operatori, tecnico di esercizio impegnato su strada e nelle sale operative) e 1300 circa mezzi  impegnati 24 ore su 24. Le attività di prevenzione e di gestione della circolazione con le operazioni di filtraggio o di fermo dei mezzi pesanti nelle aree predefinite, operate d’intesa con Polizia Stradale, Forze dell’Ordine e Prefetture, hanno consentito di limitare i disagi e sopratutto di evitare situazioni di pericolo per gli utenti.

Tra le poche criticita’ verificatesi, va segnatata quella in Emilia Romagna, dove nella notte tra il 5 e il 6 febbraio scorsi, a seguito della chiusura della A1, nel tratto appenninico Firenze-Bologna, a causa di nevicate, un elevato numero di veicoli pesanti  si e’dovuto riversare sulla E45. A seguito di una intensa nevicata che ha interessato la zona del valico del Verghereto, al confine tra la Toscana e l’Emilia Romagna,  anche l’Anas e’ stata poi costretta a interdire la circolazione ai mezzi pesanti allo svincolo di Cesena, in direzione Orte. Tale precipitazione ha determinato forti rallentamenti alla circolazione dei mezzi  e alcuni blocchi localizzati, anche per la mancanza di catene da parte della maggior parte dei mezzi in transito. La strada è stata riaperta al traffico (leggero e pesante ) nella giornata di venerdì 6 febbraio.

In Piemonte, nelle prime ore di ieri mattina, sulla strada statale 21 “Della Maddalena” è stato chiuso al traffico, a causa della neve e del pericolo valanghe, il tratto tra Pianche (Km. 31,9) e Valico Colle Maddalena/Confine con la Francia (Km. 59,7) in entrambe le direzioni. Il tratto è stato riaperto a tutti i veicoli in serata. Analogo provvedimento è stato adottato dall’autorità francese sulla RD900, proseguimento francese della statale 21. Il giorno 6 febbraio, su un tratto della strada SS 21 nei pressi di Argenterà, durante le attività di sorveglianza per la verifica delle condizioni della viabilità’, un veicolo dell’ ANAS e’ stato investito da una slavina che, fortunatamente, non ha procurato danni al sorvegliante che era a bordo.

In Abruzzo è stata riaperta venerdì 6 febbraio la strada statale 696 “del Parco regionale Sirente Velino”, in provincia di L’Aquila. Il tratto stradale era stato chiuso per il pericolo di caduta slavine. Sull’Autostrada A3 Salerno Reggio Calabria la neve e le grandinate sono state intense soprattutto sul tratto calabro-lucano tra Lagonegro, Lauria, Campotenese e Morano ed è stato necessario deviare i mezzi pesanti sui percorsi alternativi, in particolare quelli sprovvisti di catene. La circolazione non ha subito nel complesso particolari criticità.

In Calabria, rallentamenti ma senza disagi, sui tratti montani delle statali maggiormente interessate da precipitazioni nevose come le statali 107 “Silana Crotonese”, 108 “della Piccola Sila”, 283 “delle Terme Luigiane”, 177 “Silana di Rossano”.

In Basilicata, a seguito delle intense precipitazioni,  si è verificata una caduta massi ed è stata chiusa al traffico la statale 95 tra il valico dei Pozzi e lo svincolo di Atena Lucana dell’autostrada A3.

In Sardegna, sempre a causa di una caduta massi, è chiusa la strada statale 199 “di Monti”, nel territorio comunale di Ozieri, in provincia di Sassari. Il traffico viene deviato sulla viabilità locale. In entrambi i casi non si sono registrati danni a persone o autoveicoli in transito. L’Anas raccomanda agli automobilisti prudenza nella guida e ricorda l’obbligo di catene o pneumatici da neve fino al 31 marzo 2015. In particolare si ricorda che in provincia di Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena e Bologna vige l’ordinanza delle Prefetture relativamente al  divieto di transito per i mezzi oltre 7,5 tonnellate su tutte le strade (autostrade, statali e provinciali). In Toscana si circola con obbligo di catene da neve montate in prossimità e in corrispondenza dei valichi appenninici verso l’Emilia Romagna sulle strade statali SS12 “dell’Abetone e del Brennero”, SS62 “della Cisa”, SS63 “del Valico del Cerreto”, SS64 “Porrettana”, SS67 “Tosco Romagnola”.

L`evoluzione della situazione del traffico in tempo reale è consultabile sul sito web http://www.stradeanas.it/traffico oppure su tutti gli smartphone e i tablet, grazie all`applicazione `VAI Anas Plus`, disponibile gratuitamente in “App store” e in “Play store”. Gli utenti hanno poi a disposizione la web tv www.stradeanas.tv<http://www.stradeanas.tv> e il numero 841-148 ‘Pronto Anas’ per informazioni sull’intera rete Anas.