Emergenza Libia, l’ambasciatore egiziano in Italia: “diplomazia non serve, urge missione militare”

libiaPrima o poi il mondo capirà che, oltre a un’azione diplomatica” in Libia “c’è bisogno di un intervento militare per affrontare i gruppi terroristici“. E’ quanto ha affermato oggi l’ambasciatore d’Egitto in Italia, Amr Mostafa Kamal Helmy, ai microfoni di Radio anch’io. “La posizione del governo italiano è molto simile alla nostra“, ha insistito il diplomatico. “Capiamo che c’è una minaccia, che bisogna dare una possibilità a una soluzione politica ma che occorre pensare a un piano B“. E “anche se l’inviato Onu Bernardino Leon riuscisse a formare un governo di unità nazionale in Libia”, “non potrebbe essere in grado di controllare la situazione“, ha spiegato ancora Helmy. “La minaccia esiste e dobbiamo affrontarla, la minaccia è imminente“, ha aggiunto l’ambasciatore, sottolineando che essa riguarda “non solo l’Egitto, ma l’Italia e l’intera area mediterranea e l’Europa meridionale“.