Reggio, ennesimo stop per i lavori del nuovo Corso Garibaldi e la città è sempre più in crisi [FOTO]

Cantieri del nuovo Corso Garibaldi bloccati e “ingombranti” sulla via principale di Reggio, quando avrà fine questo strazio?

1499609_10205736597994999_6384329939009361451_nL’Odissea di Reggio e del suo Corso Garibaldi sembra non avere fine. I lavori partiti, bloccati e ripartiti si vedono interrompere di nuovo. Stamattina la ditta responsabile ha infatti sospeso i lavori dopo la decisione della Responsabile della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le Province di Reggio Calabria e Vibo Valentia, Margherita Eichberga. I lavori sono stati bloccati dalla Soprintendenza per questioni legate al “Trattamento dei materiali”, fino a nuova comunicazione, a causa di una presunta “cattiva gestione dei lavori” che secondo la Soprintendenza  - appunto – non sarebbero stati idonei alla corretta estrazione delle pietre laviche, ma anche del maltrattamento di queste subito dopo il recupero.

10968464_10205736598035000_634365474844375014_nIntervistato al telefono il Presidente della Confcommercio, Giovanni Santoro, ci ha tenuto a precisare che: “l’ennesimo blocco dei lavori sul corso Garibaldi non fa che aumentare il livello di crisi di tutta Reggio Calabria, in quanto stiamo parlando proprio della via principale di tutta la città. Tutti i negozi presenti su tale via sono costretti a subire qualcosa d’indecente e tutto ciò non fa che aggravare la situazione commerciale già instabile che la nostra città sta subendo da tempo. I lavori, partiti senza alcuna comunicazione il 23 giugno, hanno causato problemi di elettricità alle attività del Corso, ma anche di altra natura, non solo ai negozi che dovrebbero svolgere il loro commercio nella più tranquilla serenità, ma anche alle 150 famiglie che abitano in prossimità dei cantieri. La cosa più scandalosa è la non considerazione da parte della Sovraintendenza degli interessi dei cittadini di Reggio: questa istituzione, infatti, non si è proprio preoccupata di dare comunicazioni di qualsivoglia natura ai cittadini e ai commercianti”.

reggio lavori corso garibaldi (7)Il dott. Santoro prosegue denunciando che “i lavori sono iniziati e proseguiti male. In più l’aggravarsi delle tasse comunali non hanno certo favorito il benessere dei commercianti che si vedono strangolati dalla loro stessa città”.
Reggio è diventato un paese in cui esistono quattro impiegati a discapito della sussistenza degli artigiani. Non ce la facciamo più“, è il grido d’allarme che lancia il Presidente della Confcommercio.

Hanno di nuovo bloccato i lavori ed in più i soldi che erano stati erogati dall’Europa per questo progetto rischiano di tornare indietro. C’è chi ancora parla di Piazza Duomo o del lido comunale per i turisti, turisti che però guardando in faccia alla realtà purtroppo non esistono nella nostra città. Bisognerebbe, al contrario, guardare agli interessi dei nostri concittadini, agli interessi delle 150 famiglie che vivendo sul corso si trovano ad affrontare difficoltà che non dovrebbero subire in una città importante come la nostra. La speranza risiede nel ricorso al Tar che spero sia vinto al più presto”.

E’ in corso una riunione per discutere della faccenda, a breve perciò avremo ulteriori aggiornamenti sull’evoluzione di questa situazione.