Calabria: uffici della Regione non adatti ai non vedenti, si chiede un sopralluogo

La richiesta sarà inoltrata nei prossimi giorni ai dirigenti della Regione


518837_Mobilità_Urbana_non_Vedenti_19_10_2011 034_640x410Gianluca Tedesco, responsabile per il coordinamento enti locali USB Calabria chiede: “Un sopralluogo nei locali della futura Regione, la Cittadella regionale, per verificare se la struttura è funzionale alle esigenze delle persone non vedenti. Questo è l’invito che nei prossimi giorni l’USB Calabria rivolgerà in via formale ai dirigenti della Regione competenti ma anche al governatore Mario Oliverio. La richiesta prende spunto dalle segnalazioni ricevute da persone diversamente abili che attraverso le RSU del 3 – 4 e 5 marzo hanno aderito al Sindacato USB e che lavorano negli attuali uffici della Regione, uffici inadeguati, dotati di apparecchiature obsolete e non rispondenti all’esigenza di superare tutte le barriere della disabilità”.
Il responsabile inoltre dichiara che: “Il Sindacato USB Calabria è lieto e onorato di essere tra i primi ad aprire, attraverso il prossimo rinnovo delle rappresentanze sindacali unitarie (RSU), al coinvolgimento delle persone con disabilità. Si tratta di promuovere una forma di collaborazione per noi fondamentale e di un’occasione di crescita culturale, perché chiunque può farcela e perché tutte le barriere sono abbattibili. Oggi è tanta la rassegnazione su questo tema: si pensa che il lavoro delle persone disabili sia un impaccio, un peso, un vincolo negativo, mentre invece si tratta di una grande risorsa sia dal punto di vista professionale che umano”.