Calabria, incontro tra Oliverio ed i vertici dell’Ufficio scolastico per discutere del Piano di dimensionamento

scuola-3Il Presidente della Regione Mario Oliverio – informa una nota dell’Ufficio stampa della Giunta – ha presieduto un incontro con il Direttore ed il Vicedirettore dell’Ufficio scolastico regionale Diego Buchè e Giuseppe Mirarchi ed il Dirigente generale del Dipartimento regionale “Turismo e Cultura” Pasquale Anastasi. Nel corso dell’incontro sono state affrontate tutte le problematiche relative al ” Piano di riorganizzazione e di razionalizzazione della rete scolastica e della programmazione dell’offerta formativa della Regione per l’anno scolastico 2015-2016”, approvato dalla Giunta, nonché l’istituzione dei Centri di Istruzione per Adulti.  Su ciò il presidente Oliverio ed il direttore Buchè hanno condiviso un percorso finalizzato ad una prossima programmazione già a partire dall’anno scolastico 2016-2017.  Nell’occasione, il Presidente Oliverio  ha voluto assicurare  al direttore Buchè  la  grande attenzione che la Regione avrà sul mondo scolastico calabrese. Lo stesso Buchè ha illustrato, assieme al dirigente  Anastasi,  il Piano  di riorganizzazione della rete scolastica calabrese per l’ anno scolastico 2015-2016. Il Piano è il risultato delle proposte avanzate dalle singole amministrazioni  provinciali. ” Il Piano di dimensionamento del 2015-2016, che le Province dovevano adottare entro e non oltre il trentuno gennaio scorso e che hanno trasmesso in questi dieci  ultimi giorni di febbraio – ha affermato al riguardo  il  presidente Oliverio –  è la registrazione delle proposte pervenute. Alcune criticità, relative ad accorpamenti di sedi o a nuovi indirizzi formativi, dovranno essere oggetto di riflessione e di confronto con le Province ed i territori per costruire un Piano regionale che,  nel rispetto delle normative nazionali, sia rispondente ai bisogni del territorio ed all’affermazione di un sistema di istruzione  pubblica rispondente alla garanzia ed  al miglioramento della qualità degli studi nonché alla difesa dei livelli occupazionali. Per questo bisogna considerare il Piano di dimensionamento  2015-2016 uno strumento ponte  in vista dell’attivazione del confronto democratico necessario a definire una programmazione di lungo respiro”.