Basket A2 Silver: la Viola si ferma sul più bello e subisce una sonora sconfitta a Ferrara

viola 3FERRARA-VIOLA 94-70

FERRARA: HUFF 3, CASTELLI 14, FERRI 12, BENFATTO 13, HASBROUCK 24, BEREZIARTUA, BOTTIONI 8, AMICI 12, CASADEI 4, PIPITONE 4, VERRIGNI, PRONER

VIOLA:  DELOACH 17, REZZANO 4, ROSSI 2, RUSH 17, AMMANNATO 10, CASINI 7, AZZARO 3, LUPUSOR, SPISSU 10, FLORIO.

Partita tra squadre d’alta classifica a Ferrara per l’anticipo della 22^ giornata del campionato di serie A2 Silver. Padroni di casa che distanziano gli ospiti di soli due punti, Viola che vuole vendicare la dolorosa sconfitta del match d’andata. Partita dal sapore di Serie A1, davanti a un numeroso e caloroso pubblico e alle telecamere di Sky.

LA CRONACAFerrara parte con il quintetto Ferri-Castelli-Benfatto-Huff-Hasbrouch, la Viola risponde con Rossi, Rezzano, Rush, Deloach, Ammannato. Subito difesa forte della Viola che cerca di  limitare l’attacco ospite, Deloach entra facilmente nella difesa ospite e firma il primo canestro del match. Ferrara fa fatica in attacco, la Viola a rimbalzo e Hasbrouck punisce i neroarancio dalla lunga per il primo vantaggio Ferrara (5-4). La Viola cerca il contatto fisico e guadagna falli importanti in penetrazione che non permettono ai padroni di casa di scappare, Deloach perde palla in palleggio e Hasbrouch ne approfitta subito appoggiando facilmente al tabellone, risposta immediata del capitano Ammannnato.

Viola 1Ferri si inventa una tripla pazzesca allo scadere dei 24 secondi  e coach Benedetto è costretto a chiamare timeout; i risultati sono ottimi, Ferrara perde palla in attacco e Deloach, in buona giornata, ne approfitta dalla lunga, al 6’ il punteggio è 12-10. Risposta sulla sirena per Spissu con un canestro di gran classe, entra in gara anche Rush che impatta la partita sul 14-14; Castelli corre in attacco, Lupusor subisce lo strapotere fisico degli avversari e perde due palloni consecutivi e Pipitone firma il massimo vantaggio Ferrara (23-14). Una penetrazione di Rush e due liberi di Hasbrouck chiudono il primo quarto (25-16). Il secondo quarto si apre con la tripla di Deloach, sfidato al tiro ma la Viola continua a soffrire tremendamente sotto canestro (32-21); gli ospiti non trovano la via del canestro, Bottioni la punisce dal’arco (37-21). Entra in campo anche Azzaro che sbaglia da sotto un tiro facile, Casini limita i danni con un sottomano; Huff si sblocca e Hasbrouck fanno sprofondare la Viola sul -23; i neroarancio giocano un quarto orribile, in difesa decide di non marcare, in attacco è irritante e all’intervallo il tabellone segna incredibilmente 55-29.

Viola 5All’inizio della ripresa è subito Deloach-Rush e break Viola di 4-0, Ammannato si dimostra in condizioni pessime e sbaglia un semplice canestro da sotto; il capitano neroarancio continua a essere disastroso, Ferrara ne approfitta per il + 24  e partita che sembra già chiusa al 25’. La Viola è in giornata pessima e solo un antisportivo a Benfatto permette alla squadra di Benedetto di realizzare tre punti consecutivi con un prodigio di Rush; spettacolo Ferrara con un alley-opp Hasbrouch-Castelli che mandano in delirio i tifosi di casa. Hasbrouck continua a deliziare con canestri d’alta classe e trascina la propria squadra prima dell’ultimo periodo sul punteggio di 74-45. Nell’ultimo quarto la Viola prova a salvare l’onore e coach Benedetto ci prova con la zona 2-3, subito punita dal solito Hasbrouck autore di una prestazione al limite della perfezione; la partita ormai non ha più nulla da dire e termina con il punteggio finale 94-70.

IL COMMENTO FINALE – La Viola si ferma sul più bello e subisce una sconfitta pesantissima contro Ferrara che si dimostra nettamente superiore rispetto ai neroarancio. Match da dimenticare per la squadra di coach Benedetto che non entra mai nel match e si dimostra non all’altezza della squadra guidata da Martelossi; il successo contro Tortona ha ingannato i tifosi della Viola, facendo credere che il periodo negativo fosse alle spalle; la partita di oggi ha messo in luce tutti i problemi della squadra, troppi i rimbalzi offensivi concessi, troppi i canestri facili concessi a Ferrara, troppe difficoltà in attacco. La squadra manca di personalità e gli uomini di esperienza che dovrebbero trascinare i più giovani ultimamente non stanno rispondendo alle aspettative; davvero clamorosa l’involuzione del capitano Ammannato, ottimo nei primi match, inconcludente negli ultimi. Rimane comunque ottima la stagione fin qui disputata dai neroarancio ma sconfitte come quella odierna risultano troppo pesanti per una squadra che fino a qualche partita fa aveva ambizioni da primato.

LA CLASSIFICA DOPO L’ANTICIPO

Classifica: Acmar Ravenna 28, De’ Longhi Treviso 28, Mobyt Ferrara 28, Remer Treviglio 26, Viola R. Calabria 24, Basket Recanati 24, Orsi Tortona 24, Proger Chieti 20, Andrea Costa Imola 20, Paffoni Omegna 20, Mec-Energy Roseto 18, Givova Scafati 18, Benacquista Latina 18, Europromotion Legnano 18, Bawer Matera 14, Bakery Piacenza 8