Barletta-Reggina 2-2, Alberti: “contento di questi ragazzi, non attendo i fuori rosa, la risalita continua”

ALberti RegginaQueste le parole dell’allenatore della Reggina Alberti nella sala stampa dopo Barletta-Reggina, conclusa con il risultato di 2-2: “è stata una partita combattuta, abbiamo avuto il merito di fare due gol alla difesa più forte del campionato e questa è una nota positiva. Peccato perchè nel secondo tempo siamo rimasti schiacciati 15 minuti, loro sono stati bravi ad approfittarne. Oggi sono più le note positive di quelle negative, abbiamo fatto risultato contro una squadra forte su un campo difficile. Sono molto soddisfatto della prova dei ragazzi, nelle ultime due partite abbiamo fatto 4 gol e la Reggina prima aveva molta fatica a segnare. La strada è molto lunga e piena di difficoltà, ma piano piano riusciremo a completare la risalita. Oggi torniamo a casa con un risultato positivo meritato, nonostante abbiamo avuto il problema di Aronica e abbiamo giocato per quasi 20 minuti in dieci. Totò ha avuto un problema muscolare, domani vedremo l’entità dell’infortunio. Questa squadra deve ancora crescere molto, abbiamo tanti calciatori in difficoltà dal punto di vista atletico. Crescere facendo risultati positivi sicuramente aiuta. Siamo in ritardo di condizione per l’arrivo di tanti nuovi che però non giocavano da molto, quindi serve tempo e pazienza per trovare la forma migliore. Se ciò avviene mentre continuiamo a fare punti, tanto di guadagnato. Ci aspetta una rincorsa faticosa, dobbiamo guardare partita dopo partita e già da domani pensiamo alla prossima contro la Juve Stabia. Nel secondo tempo ho messo Ungaro per bloccare le loro fasce dove erano più pericolosi, poi abbiamo avuto il problema di Aronica e ho cambiato ancora, poi ho cambiato nuovamente cone due punte al centro e siamo stati fortunati a recuperarla. Ho schierato Louzada titolare perchè ha caratteristiche diverse da Viola, ha più gamba e poteva allungare la squadra. S’è battuto in campo, è stato bravo, ha fatto quello che gli ho chiesto. Viola è un attaccante che per giocare bene ha bisogno di un compagno di reparto a lui vicino, infatti quando è entrato c’era Balistreri che gli ha consentito di muoversi bene e di trovare anche il primo gol. Non attendo i fuori rosa, io alleno chi ho a disposizione e sono molto contento dei ragazzi che ho. Se poi arriva qualcuno, vedremo“.