#Altapartecipazionecalabria: all’assemblea di San Ferdinando presentate due proposte per Cultura e Giustizia

altapartecpSi è svolta a San Ferdinando, nel cuore della piana di Gioia Tauro, presso il resort “Le Dune Blu” su impulso dell’associazione Atena Mediterranea e dalla Run Calabria un importante iniziativa di formazione e confronto dal titolo #AltaPartecipazioneCalabria rivolta agli studenti universitari dell’intera regione. A discutere di Giustizia e Legalità,Ambiente,Turismo e Beni Culturali e Diritto all’informazione, associazioni di categoria, giovani professionisti, studenti medi e universitari, nei fatti una nuova generazione che vuole giocarsi la partita per un proprio protagonismo da realizzare nel mezzogiorno, interpretato come motore per l’intero paese. L’iniziativa è stata promossa per rilanciare il tema della partecipazione attiva nei processi di cambiamento del nostro paese e di conseguenza dell’intera regione. Differenti le personalità intervenute ai vari dibattiti : rappresentanti del mondo della cultura e delle istituzioni che si sono alternati in una discussione franca e chiara sul futuro della Calabria. Hanno preso parte al progetto, presentato al comune di Reggio Calabria dall’assessore alla cultura Patrizia Nardi e aperto a San Ferdinando dall’intervista esclusiva a cura di Gregorio Corigliano all’ex Presidente della Rai Roberto Zaccaria e Melania Salazar : Nicola Irto, Arturo Bova, Brunello Censore, Mario Valente, Maria Carmela Lanzetta, Giuseppe Giordano, Francesco Surace, Luigi Iorio, Maria Cristina Pisani, Eduardo Lamberti Castronuovo, Melania Salazar, Katya Malara ,Giuseppe Bombino, Carlo Morace e tanti altri. I vari dibattiti sono stati moderati dai ragazzi dell’associazione i quali hanno stimolato i vari rappresentanti istituzionali a dare risposte concrete per il rilancio della Calabria e hanno chiesto quanto fatto fino ad ora e quanto in cantiere. Soddisfatto della buona riuscita dell’evento Francesco Laganà Consigliere di Amministrazione della “Mediterranea” e componente del Comitato Regionale di Coordinamento Universitario della Calabria il quale spiega come #AltapartecipazioneCalabria non si esaurisce con il seminario conclusivo ma sarà un tavolo permanente di idee volto a confrontarsi quotidianamente con i vari livelli istituzionali con le formule più appropriate per contribuire a cambiare verso alla Calabria di concerto con le linee guida tracciate dalla giunta regionale. Antonino Castorina Consigliere comunale di Reggio Calabria, tra gli organizzatori dell’evento, durante la sua relazione lancia subito un appello al governatore della Calabria : avviamo il forum regionale dei Giovani – potrebbe essere – afferma il giovane consigliere comunale – un tavolo di discussione permanente per le nuove generazioni a prescindere dal colore politico di appartenenza – è già esistente a livello nazionale e sarebbe un grande passo in avanti rispetto alla centralità che può avere l’associazionismo ed in generale i vari fermenti giovanili presenti in Calabria. Una piattaforma per i giovani che li porta a confrontarsi serenamente sui problemi della nostra terra e che coinvolga gli studenti medi,gli studenti universitari ma anche le altre realtà associative presenti in Calabria – afferma il giovane Alex Tripodi – dell’associazione Atena. La seconda proposta presentata la illustra Simona Venezia, giovane avvocato del foro reggino : istituiamo anche in Calabria in garante dei diritti dei detenuti, è un fatto di civiltà e sarebbe un segnale importante di attenzione su un tema spesso sottaciuto. Importanti le parole di Seby Romeo e Nino De Gaetano che confermano il loro sostegno alle idee presentate da #Altaparetecipazione, si faranno carico – affermano i due – di portare al presidente della Regione questa importanti proposte che possono proseguire nel percorso già intrapreso dalla giunta regionale della Calabria di avviare una fase nuova in regione. A concludere i lavori Enza Bruno Bossio parlamentare calabrese della commissione Antimafia – anche lei a condividere le proposte lanciate dalla piattaforma di #Altapartecipazione. Enza Bruno Bossio va anche oltre: rilancia sull’importante opportunità che può assumere in Calabria “Garanzia Giovani” nella nostra regione e a cui a lavorato a fondo il presidente Mario Oliverio con l’assessore al ramo Carlo Guccione – l’iniziativa è nei fatti un progetto finanziato con 111 milioni, di cui sessantasette del Governo ed il resto messo a disposizione dalla Regione. Quanto fatto consentirà, nel giro di un mese e mezzo, a tantissimi giovani, tra i 15 ed i 29 anni , di partecipare alle iniziative previste da “Garanzia giovani”. ‘Garanzia giovani’ è uno strumento che fa parte di un programma di lavoro più ampio che metteremo in campo e del quale è già in corso un interlocuzione stabile con il Ministro Giuliano Poletti “Garanzia giovani – afferma la Bruno Bossio può diventare uno strumento che da un orizzonte di lavoro ai giovani e li accompagna e li guida tra le varie misure previste. L’Università potrebbe fare da tramite e lavorare in sinergia dentro questa piattaforma a pieno titolo”.

.