Acr Messina, domani il delicato match del “Via del Mare”. Grassadonia: “Per il Lecce sarà difficile”

Gianluca Grassadonia.Con il risultati maturati oggi per il Messina adesso  la salvezza dista 3 punti. La vittoria del Cosenza nel derby con la Reggina e il pareggio tra Vigor Lamezia e Martina Franca creano una distanza maggiore tra i peloritani e la prima posizione utile oltre i play-out.

Domani il Messina sarà atteso in casa del Lecce per la seconda trasferta consecutiva dopo quella di Caserta, il tecnico giallorosso Gianluca Grassadonia, intervistato sul sito ufficiale dell’Acr presenta così la sfida con i salentini: “Andiamo a Lecce allo stesso modo di come ci prepariamo ad ogni trasferta ossia con la convinzione di fare punti. A Caserta abbiamo fatto un buon primo tempo e solo l’espulsione ci ha costretto a cambiare i piani. Abbiamo dimostrato che siamo una squadra viva e domani la partita sarà difficile anche per il Lecce oltre che importante per entrambi le squadre”.

Oltre la parentesi del derby con la Reggina il Messina continua a palesare evidenti difficoltà quando si tratta di offendere, la scelta di schierare una formazione più guardinga nella recente sconfitta con la Casertana sembra aver amplificato tali fatiche ma non per l’allenatore campano: “Al di là delle chiacchiere che sono state fatte in settimana la mia squadra si applica molto anche se forse inventa poco. L’anno scorso abbiamo vinto un campionato con il 3-5-2, quindi non è modulo calato dall’alto, ma un sistema che abbiamo utilizzato perché comunque alla base c’è un lavoro di applicazione sul campo. Lo spirito è quello di giocare per vincere – conclude Grassadonia - e non scendere in campo per fare le barricate. Sull’atteggiamento dobbiamo continuare a migliorare, dobbiamo imparare ad non avere paura”.