fbpx

Regione Calabria: consigliere regionale neoeletto nel Pd rinviato a giudizio

1200585-tribunaleSono otto le persone rinviate a giudizio per la bancarotta della Proserpina spa, societa’ pubblico-privata fallita nel 2008 che si occupava della raccolta dei rifiuti a Vibo e in diversi comuni della provincia. Tra loro c’e’ il consigliere regionale Michele Mirabello, segretario provinciale del Pd, in qualita’ di ex componente del consiglio d’amministrazione della societa’ mista. Il gup, Lucia Monaco, ha disposto il processo anche per i due revisori dei conti dell’azienda, Giuseppe Betro’ e Giandomenico Pata; per l’ex sindaco di Vibo ed ex assessore provinciale Giuseppe Ceravolo, e per gli ex amministratori della “Proserpina”, Domenico Scuglia, Gino Citton, Marcella De Vita e Ciro Orsi. Erano gia’ state stralciate, invece, le posizioni di Domenico Naso, Michelangelo Petrolo e Francesco Pantano. La curatela fallimentare della societa’ si e’ costituita parte civile ed e’ rappresentata dall’avvocato Enzo Cantafio. L’accusa e’ di bancarotta fraudolenta. Le persone rinviate a giudizio sono accusate di avere evitato la liquidazione falsando, tra il 2004 e il 2007, i bilanci della societa’ – il cui passivo quantificato ammonterebbe a 10 milioni di euro – e ottenendo finanziamenti dal Commissario per l’emergenza ambientale. Una parte di questi fondi, secondo gli inquirenti, sarebbe stata trasferita ad altre societa’ costituite dagli stessi soci privati della Proserpina. La prima udienza del processo e’ stata fissata per il 5 maggio.