Reggina, con Cirillo e Aronica una difesa di ferro, ecco come giocherà Alberti. Adesso assalto a Sforzini

Reggina 2015La Reggina si affida alla sua storia per conquistare una salvezza difficile ma non impossibile in questo girone C di Lega Pro: dopo Belardi e Cirillo, è ufficiale anche l’arrivo di Salvatore Aronica che pochi minuti fa ha spiegato la sua scelta in esclusiva ai microfoni di StrettoWeb. Tre grandi ex, ma anche tre giocatori di esperienza e qualità con una carriera tra le big di serie A: Aronica è il più giovane, compirà 37 anni tra dieci giorni, il 20 gennaio. Belardi 37 anni li ha compiuti esattamente tre mesi fa, mentre Cirillo ne compirà 38 tra poco più di due mesi, il 21 marzo. Tutti e tre potranno esordire nel posticipo della 2^ giornata di ritorno, lunedì 19 gennaio al Granillo contro la Paganese.

Copia  di Reggina Cirillo Belardi FotiBelardi ovviamente giocherà in porta, Aronica e Cirillo saranno i due nuovi centrali difensivi per una retroguardia di ferro. In questa categoria poche squadre possono contare su attaccanti in grado di sgomitare con elementi così forti ed esperti, che andranno ad erigere un vero e proprio muro davanti alla porta amaranto difesa da un campione come Belardi, che probabilmente sarà anche il nuovo Capitano lui che nella storia ha già indossato la maglia della Reggina in 131 partite ufficiali (Cirillo 109, Aronica 77). Alberti dovrebbe quindi confermare Karagounis a sinistra e riportare Di Lorenzo a destra per completare i 4 di difesa; a centrocampo la società sta lavorando per acquistare un regista che possa prendere il posto che a inizio stagione è stato di Rizzo e in cui adesso, durante questa fase transitoria, sta giocando il giovanissimo Domenico Mazzone, reggino di Gioiosa Jonica, 17enne prodotto del vivaio amaranto. Contro il Martina Franca ha fatto benissimo e domani sarà ancora una volta titolare a Caserta ma ovviamente a quell’età può rappresentare il futuro della squadra, non certo il presente. Intorno al nuovo regista dovrebbero essere confermati Armellino e Salandria, con i vari Maimone, Condemi, Perrone e lo stesso Mazzone a scalpitare per mettere il mister in difficoltà sulle scelte.

Reggina 2015In attacco i due esterni dovrebbero essere confermati così come nel girone d’andata: Insigne e Louzada, che non hanno fatto male e anzi sono stati gli unici attaccanti a trovare il gol prima di prima di Ador Gjuci, che a questo punto è sempre più probabile che rimanga nell’orbita della prima squadra ma a soli 16 anni non si può certo considerare un titolare.

In attacco il primo obiettivo è e rimane Ferdinando Sforzini: romano, 30 anni appena compiuti, vanta una lunga carriera in serie B dove ha disputato 243 partite ufficiali segnando la bellezza di 75 reti con le maglie di Verona, Modena, Vicenza, Ravenna, Avellino, Grosseto, Pescara e Latina. Adesso è un giocatore del Latina con cui in stagione ha segnato 4 volte nel girone d’andata di serie B, ma è ai margini della squadra che vorrebbe cederlo. La distanza economica tra la valutazione del calciatore e la proposta della Reggina non sembra facile da colmare, ma in aiuto dell’operazione potrebbe intervenire Alessandro Moggi, che è il suo procuratore e che è anche il procuratore di Aronica. Le due operazioni, quindi, potrebbero essere collegate da un filo…