fbpx

Messina-Reggina 4-1, le pagelle amaranto: brilla solo Insigne, che orrori Camilleri!

Messina Reggina derby (69)Una Reggina che esce dal San Filippo con le ossa rotte, sconfitta 4-1 ma comunque con spunti positivi innanzitutto per il buon primo tempo disputato a testa alta e da padrona del campo, in cui avrebbe meritato il vantaggio in almeno due o tre occasioni; ma è stato positivo anche l’atteggiamento nella ripresa, quando la squadra ha continuato a giocare per provare a riaprire la partita nonostante i due, poi tre, poi quattro gol di svantaggio.

Le pagelle di StrettoWeb:

Belardi 5 Esordio da incubo, 4 gol subiti dopo che la squadra ne aveva preso soltanto uno nelle ultime tre partite.
Di Lorenzo 5 Non riesce mai a pungere sulla fascia, crolla nella ripresa dopo un buon primo tempo.
Camilleri 3 Gara disastrosa: non ne azzecca una e ha tante responsabilità su almeno tre dei 4 gol subiti.
Aronica 4 Ci mette l’esperienza, ma non bassa ed è una prova di gran lunga insufficiente.
Karagounis 4 Parte male e poi non riesce mai ad entrare in partita.
Mazzone 5 Fatica in mezzo al campo: non riesce mai a gestire la palla e il gioco della squadra, dopotutto a 17 anni gli vengono consegnate le chiavi della squadra in una partita così delicata e ricca di pressione.
Insigne 7 E’ il migliore: autentica spina nel fianco nella difesa giallorossa, sfiora almeno tre volte il gol con tre tiri che finiscono fuori di un soffio, poi trova la meritata marcatura su punizione e il 7° gol stagionale in amaranto. La Reggina deve rinforzarsi in attacco ma ci sono pochi dubbi sul fatto che una sua permanenza possa garantire alla squadra qualcosa in più rispetto a qualsiasi acquisto attualmente alla portata della società.
Condemi 6 Buon primo tempo, ottimo lavoro di regia in mezzo al campo e tanti lanci precisi per i compagni. Cala nella ripresa quando, visibilmente stanco e nervoso, viene sostituito.
Armellino 5 Sacrificio e lotta in mezzo al campo, lavoro poco efficace.
Masini 5 Ci mette tutto quello che ha, ma è davvero poca roba…
Louzada 5 Non trova mai lo spunto vincente.

Viola 6 Entra nella ripresa e sfiora il gol, forse avrebbe meritato spazio da titolare.
Gallozzi 6 Buona impressione quando entra in campo nella ripresa, sarà utile alla squadra.
Maimone S.V. Entra in campo quando la partita è già compromessa.

All. Alberti 5 La squadra ha il merito di non mollare mai, anche quando è sotto di quattro gol, proprio come i 600 tifosi del settore ospiti che hanno sventolato sciarpe e bandiere fino al novantesimo. Buono il primo tempo della squadra in cui la Reggina aveva giocato meglio del Messina e sfiorato tre volte la rete del vantaggio grazie ad altrettanti spunti di Insigne sulla destra, senza rischiare mai nulla fino al 40° ma poi le due sviste difensive tra fine primo tempo e inizio secondo con la squadra schierata, hanno compromesso il derby. Il campionato non è ancora finito e con gli attesi acquisti nel reparto offensivo, e questo stesso atteggiamento di una squadra che non deve mai mollare, la salvezza è ancora possibile.