fbpx

Tutto sul Jobs Act: porterà nuova occupazione? Il parere degli esperti

Jobs ActLa domanda è sempre la stessa e ricorre insistentemente, anche perché è l’interrogativo più gettonato nel Paese. Ma il Jobs Act porterà nuova occupazione? Dopo avere analizzato le prime disposizioni attuative dare una risposta decisa e definitiva continua ad essere difficile, se non impossibile. È notorio infatti che le buone regole – e qualcuna si ritrova anche in questi provvedimenti – non creino automaticamente occupazione; al contrario delle pessime regole che la distruggono. Di certo c’è che siamo al quarto intervento riformatore in poco più di due anni in un settore nel quale più che le regole lavoristiche manca il terreno su cui innestare l’occupazione. Che, per essere rilanciata, necessita di affiancare alle buone norme sostanziali e corposi interventi sull’economia.

D’altronde, è dal lavoro autonomo che nasce quello subordinato e non viceversa. Dalla legge Fornero di luglio 2012, passando per quella firmata Giovannini prima e Poletti poi, si arriva al Jobs Act ma non cambiano i presupposti di base. Le Pmi assumono nuovi dipendenti solo dopo avere acquisito nuovo lavoro e non viceversa. Quindi, fin quando stenterà l’economia stagneranno (se non peggio) i livelli occupazionali. E certo non si potrà parlare di nuovi occupati se l’applicazione del contratto a tutele crescenti – che potrebbe risultare economicamente più conveniente di co.co.pro e lavoro a termine – porterà alla stabilizzazione di queste figure di lavoratori già occupati. Quelli non potranno essere considerati nuovi posti di lavoro, perché non riguarderanno gli attuali disoccupati. Ma va salutato con positività l’accantonamento (definitivo?) della diversificazione tra imprenditori e professionisti, che ha caratterizzato decine e decine di norme penalizzanti per gli studi professionali, perennemente esclusi da benefici e agevolazioni. E sul fronte dell’accesso non si può non sottacere che sempre il contratto a tutele crescenti è quasi più conveniente del contratto di apprendistato; situazione che può determinare il definitivo accantonamento di quello che per lungo tempo è stato il vero (se non l’unico) strumento in mano ai giovani per entrare nel mondo del lavoro. Istituto già indebolito, se non depotenziato, dai variopinti livelli decisionali del nostro Paese. Per rispondere positivamente all’interrogativo iniziale si dovranno dunque attendere i tanto auspicati interventi a sostegno dell’economia, preparandoci per ora ad assistere alla mera stabilizzazione di lavoratori già occupati.

A cura del Consiglio Provinciale dell’Ordine dei Consulenti del Lavoro di Reggio Calabria