fbpx

‘Ndrangheta, maxi-operazione “Aemilia”: 2 anni fa Delrio sentito come persona informata sui fatti

Anche il sottosegretario della Presidenza dei ministri Graziano Delrio è stato convocato in procura come “persona informata sui fatti”

graziano delrioNell’ambito dell’inchiesta che ha portato oggi all’arresto di 117 persone in particolare in Emilia responsabili a vario titolo di associazione di tipo mafioso, due anni fa, fu convocato dalla procura di Bologna anche l’attuale sottosegretario della Presidenza dei ministri, Graziano Delrio, per anni sindaco di Reggio Emilia. “Lo abbiamo sentito come persona informata sui fatti” ha spiegato il procuratore capo, Roberto Alfonso, nel corso di una conferenza stampa con il procuratore nazionale antimafia, Franco Roberti. Agli inquirenti “servivano alcune notizie per verificare” la vita sociale e l’attaccamento alla societa’ emiliana dei cittadini originari della Calabria che si sono trasferiti e insediati in particolare in provincia di Reggio Emilia. Per questo nel 2013 fu sentito anche Delrio e “altri politici”. “Volevamo capire – ha spiegato Alfonsoin quale considerazione la societa’ emiliana, quindi gli amministratori, i commercianti, gli imprenditori e i cittadini, tenesse la comunita’ cutrese“. Una comunita’ che “non e’ composta solo dalle 50 persone raggiunte dalla custodia cautelare; ci sono venti o trentamila cutresi” che abitano a Reggio Emilia stabilmente. “Abbiamo tentato di capire, e in parte ci siamo riusciti – ha aggiunto il procuratore capo – lo abbiamo fatto sentendo diverse persone“.