fbpx

Salernitana-Messina 1-0, le pagelle di StrettoWeb. Bucolo certezza, Corona in giornata no

BucoloPensare di poter fermare la capolista quando non vinci da 8 turni ed hai messo a segno solo 15 reti su 18 gare è davvero proibitivo. A vedere però il match Salernitana-Messina la grande differenza non si nota, e se non fosse per quella “maledetta” sterilità negli ultimi 20 metri magari un puntcino i ragazzi di Grassadonia se lo sarebbero meritato. Purtroppo non è andata così, ed il Messina deve adesso fare i conti con una classifica sempre più deficitaria con le dirette concorrenti (vedi Ischia, Aversa Normanna e Matera) che corrono a suon di vittorie.

Ecco le pagelle dei giallorossi di Salernitana-Messina:

Iuliano, voto 6,5: Resiste alla capocciata sul palo nell’impresa di intercettare la perfetta conclusione di Bovo. Sul gol, appunto, non ha colpe. Nella ripresa si esalta a tu per tu con Calil.

Cane, voto 5: Dopo la buona prova contro il Benevento ci aspettavamo un “freccia-rossa” sulla corsia destra, ed invece abbiamo assistito alle fatiche di vecchio trenino regionale.

Silvestri, voto 6: Difficile fare la “guardia” al terzetto dell’attacco granata, lui, ci riesce senza troppi affanni.

E.Pepe, voto 5,5: Rientrato dal lungo infortunio palesa la sua difficoltà a trovare la migliore condizione. Ma come in passato l’aggressività è delle migliori prestazioni.

Stefani, voto 6,5: Sfiora il gol con un destro terribile dai 30 metri sugli sviluppi di un calcio di punizione, del resto tiene a bada l’atteso Gabionetta.Vincenzo Pepe

Donnarumma, voto 4,5: Ancora una volta tra i peggiori in campo. Sulla corsia di competenza non riesce praticamente mai ad essere incisivo in fase offensiva. La sua migliore azione, attaccare la profondità e scagliare un sinistro sballato da fuori area che termina nei gradoni in alto della Sud.

Bucolo, voto 7: Si sbatte come un dannato in mezzo al campo. Altra gran prestazione del numero 4 biancoscudato.

Damonte, voto 5,5: Determinante in fase di contenimento. Poco incisivo nell’impostare la manovra offensiva.

V.Pepe, voto 5: Ritorno poco esaltante da titolare per l’ex Avellino, che ricorda il motivo per il quale nelle ultime settimane al suo posto c’era Izzillo.

Orlando, voto 6: Ha avuto una sola occasione è la mancata probabilmente per mancanza di forza e lucidità. Lo scuseremo dato l’incredibile lavoro di corsa durante tutto il match.

Corona, voto 5,5: Non è la giornata di Re Giorgio. Perde palla più volte (vedere gol di Bovo) e quando nella ripresa la mette dentro il Sig. Prontera di Bologna decideCorona (4) di fischiare uno di quei falli nati dal…“azz! Non visto nulla, meglio fischiare fallo ai danni del portiere”.

Grassadonia, voto 6: Con la rosa a sua disposizione perdere con il minimo scarto al cospetto della capolista è comunque un merito. Ma non riuscire mai a concludere a rete è problema assai grave, oltre che annoso.

Foto © Paolo Furrer.