fbpx

Reggio, sottoscrizione del protocollo del progetto pilota “Il ciclo integrato dei rifiuti urbani”

rifiuti (8)Il  giorno 19 del mese di dicembre, alle ore 10, nei locali dell’aula Magna del liceo scientifico Leonardo da Vinci è prevista la conferenza stampa di ufficializzazione del percorso sperimentale “Il ciclo integrato dei rifiuti urbani”, promosso dal liceo in sinergia con l’Università Mediterranea di Reggio Calabria-Dipartimento di  Ingegneria Sanitaria Ambientale e Trattamento e Valorizzazione delle acque e dei rifiuti. Nell’ambito dell’incontro è prevista la sottoscrizione di un protocollo interistituzionale che veda il coinvolgimento dell’Ente locale (Comune, Provincia), e dei partner proponenti: liceo da Vinci-Mediterranea. Saranno presenti: la prof.ssa Giuseppina Princi, dirigente Scolastico del Liceo Scientifico “Leonardo da Vinci di Reggio Calabria, Giuseppe Raffa Presidente Provincia di Reggio Calabria, Edoardo Lamberti Castronuovo Ass.re alla cultura e alla legalità della Provincia di Reggio Calabria, Antonino Zimbalatti, Ass.re Ambiente del Comune di Reggio Calabria, Pasquale Catanoso- rettore della Università Mediterranea, Domenico Morace Direttore Dipartimento di  Ingegneria Sanitaria Ambientale e Trattamento e Valorizzazione delle acque e dei rifiuti, Paolo Salvatore Calabrò, ricercatore del Dipartimento di Ingegneria Civile, dell’Energia, dell’Ambiente e dei Materiali dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria, Responsabile scientifico e didattico del Progetto, Emanuela Siciliano docente di Matematica e fisica del liceo, referente del progetto. Modererà l’incontro il prof. Caminiti docente del liceo, giornalista pubblicista. Il progetto si prefigura come progetto pilota regionale in tema di promozione di una cultura socialmente sostenibile. La scuola, infatti, – luogo di formazione, aggregazione, ed espressione di interessi comuni legati al futuro – è il soggetto principale di questa nuova missione educativa. Per poter svolgere efficacemente questo compito ed affrontare tematiche nuove, complesse, multidisciplinari e di scala planetaria, con l’ausilio ed il coinvolgimento dell’Ente locale e dei soggetti preposti, deve essere in grado di informare e sensibilizzare gli studenti e a cascata le famiglie ed il contesto sociale sulle metodologie di tutela dell’ambiente, verso un corretto e razionale uso dei rifiuti promuovendo uno sviluppo sostenibile ed una migliore qualità della vita.

Il Progetto è rivolto agli alunni del triennio, le attività didattiche-formative e i “laboratori di ricerca/produzione di idee” saranno tenuti da docenti di Matematica e Fisica del Liceo, da docenti dei Dipartimenti DICEAM dell’Università “Mediterranea” di Reggio Calabria, da esperti dell’AVR, presso i locali del liceo e quelli dell’università. Il percorso sperimentale prevede:

  • Lezioni introduttive sulle caratteristiche dei rifiuti urbani, sulle modalità di gestione, sulla raccolta differenziata, sulla gestione dei rifiuti nella città di Reggio Calabria
  • Analisi merceologica dei rifiuti urbani su campioni raccolti dagli studenti
  • La valorizzazione dei rifiuti biodegradabili (compostaggio e digestione anaerobica) attraverso trattamenti a scala di laboratorio con produzione di compost e biogas su campioni raccolti dagli studenti .
  • L’incenerimento dei rifiuti urbani. Calcolo del potere calorifico dei rifiuti e test di incenerimento su campioni di rifiuti raccolti dagli studenti.
  • Le discariche per rifiuti urbani .
  • La progettazione e realizzazione del sistema di raccolta differenziata dei rifiuti all’interno del Liceo Scientifico “L. da Vinci”. Verrà predisposto anche un piano di monitoraggio nel tempo da effettuarsi a cura degli studenti (con il supporto tecnico di AVR).
  • Stesura di un opuscolo sulla raccolta differenziata da distribuire agli studenti e alle famiglie.
  • creazione di un sistema di interscambio Informatico, su scala regionale, delle idee messe a frutto dai giovani (idee-database).

Le azioni formative contenute nell’articolazione didattica del percorso di sperimentazione intendono sviluppare conoscenze e competenze per la concretizzazione di un laboratorio di studio e di idee tecnologicamente innovative per la soluzione nel breve-medio periodo di specifiche problematiche inerenti la gestione dei rifiuti. Lo stesso progetto verrà veicolato a livello Nazionale quale buona pratica di percorsi scolastici eccellenti che, per la prima volta hanno registrato la sinergia istituzionale formalizzata tra più Enti, su temi di sviluppo sostenibile e prospettive future di salvaguardia ambientale del pianeta.