fbpx

Reggio, si chiude l’Horcynus Festival invernale: sabato l’evento finale [FOTO]

  • Gaetano Silvestri
    Gaetano Silvestri
  • Fratelli Mancuso
    Fratelli Mancuso
  • Orchestra
    Orchestra "Cilea"
  • Basma Khalfaoui
    Basma Khalfaoui
/

horcynus festivalStamane conferenza stampa, presso il Teatro Politeama Siracusa di Reggio Calabria, di presentazione dell’evento finale dell’Horcynus Festival invernale, la manifestazione dedicata quest’anno al tema “Mediterraneo in Costituzione”.

La Fondazione Horcynus Orca, promotrice dell’evento, è un centro di ricerca sulle tecnologie ambientali, polo mediterraneo per le arti contemporanee e per l’economica solidale, centro di divulgazione scientifica, e da anni promuove percorsi internazionali di ricerca sulle economie sociali e sulle estetiche del Mediterraneo. Ogni anno questi percorsi si incontrano all’interno dell’Horcynus Festival, che da dodici anni porta il meglio della produzione artistica internazionale sulle sponde dello Stretto di Messina.

Nell’ambito del Festival, sabato prossimo, 6 dicembre, dalle ore 20.30 nel suddetto Teatro avrà luogo una cerimonia di premiazione ai due ospiti d’onore della serata: Gaetano Silvestri, Presidente emerito della Corte Costituzionale, e l’attivista tunisina Basma Khalfaoui, vedova di Chokry Belahid, avvocato difensore dei diritti dell’uomo e del politico tunisino, ucciso nel 2013.

Il focus dell’evento, non per niente, sarà l’esperienza costituzionale tunisina e la musica nomade. Un vero e proprio omaggio alla lotta dei movimenti civici tunisini che hanno portato alla prima Costituzione di impronta laica e democratica dopo la Primavera Araba.

“Sarà un’occasione – ha affermato Gaetano Giunta, Presidente della Fondazione Horcynus Orcaper consegnare il Premio 2014 della nostra Associazione alla vedova di Belahid e al Professore Silvestri, co-fondatore dell’Associazione dell’area dello Stretto”.

Si ricordi che l’assassino di Chokry Belahid, ancora impunito, ha innescato un’onda di proteste contro la svolta islamista che stava prendendo la rivoluzione tunisina. La moglie di Belahid (che è stato il leader del Fronte popolare tunisino), Basma Khalfaoui, avvocato e militante dell’Association des femmes dèmocrates e della sinistra laica tunisina, è divenuta l’icona della resistenza tunisina contro la violenza politica e il tradimento delle istanze rivoluzionarie.

Gaetano Silvestri, come suddetto Presidente emerito della Corte Costituzionale, già Rettore dell’Ateneo peloritano, nonché un giurista messinese molto conosciuto nel mondo giuridico siciliano (e non) anche per la sua grande esperienza del diritto costituzionale in Italia, indagherà, nel corso dell’evento di sabato prossimo, i risvolti più innovativi contenuti nella nuova Carta tunisina; l’uguaglianza tra uomo e donna, l’instaurazione della libertà di coscienza nel Paese arabo e la presa di distanza dalla sharia sono tra i principi sanciti da questa Costituzione.

horcynus festival 4“Il Premio Horcynus Orca 2014 – continua a dire Gaetano Giunta – sarà dato a Basma Khalfaoui in rappresentanza di tutti i movimenti civici del suo Paese. Siamo giunti, così, al secondo anno dell’edizione invernale dell’Horcynus Festival, un appuntamento pensato e costruito affinchè i programmi di ricerca avviati nel corso dell’anno abbiano un importante impatto educativo sui nostri territori. Abbiamo scelto di chiudere a Reggio Calabria – aggiunge il Presidente della Fondazione Horcynus Orcacome segno della nostra presenza in entrambe le sponde dello Stretto. In più, offriremo alla città una serata con ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento posti al Teatro Siracusa, per contribuire a creare un canale di dialogo permanente tra la sponda nord e la sponda sud del Mediterraneo, aree tormentate, dove in modo frammentato si sta consumando una sorta di terza guerra mondiale, ma che d’altra parte costituiscono anche un laboratorio straordinario, e spesso senza voce in Occidente, di costruzione di speranze di liberazione e di futuro. Si sono già organizzati – conclude Giunta molti pullman riempiti da persone che vogliono venire qui, provenienti anche da fuori città”.

Dopo il momento di “ragionamento”, come lo ha definito Gaetano Giunta, sul tema “Mediterraneo in Costituzione”, la serata di sabato non avrà fine: è previsto, infatti, il concerto dei Fratelli Mancuso, Enzo e Lorenzo, due cantanti, compositori e polistrumentisti siciliani nati a Sutera, in provincia di Caltanissetta, il cui stile personale nuovo e antico nello stesso tempo è ormai conosciuto a livello mondiale.

Le due icone della Sicilia e della musica siciliana saranno accompagnati dall’Orchestra del Teatro Comunale “Francesco Cilea” di Reggio Calabria, diretta dal Maestro Dario Siclari.

Una serata all’insegna dell’approfondimento culturale, politico e sociale, della musica, dell’arte, ampiamente elogiata quest’oggi dal Direttore Artistico del Festival, Gaetano Farina, e dal responsabile dell’organizzazione degli eventi dell’Associazione Horcynus Orca, Massimo Barilla.

“Si conclude la stagione – ha voluto specificare Barillache è iniziata con il Concerto di Capodanno 2014; è stato un percorso – conclude – che ha ‘incastrato’ e fatto dialogare molti artisti e in cui si è data parecchia importanza al dialogo con il territorio”.