fbpx

Messina, sull’isola non ci fermeremo: l’assessore Panarello tira dritto e denuncia il clima di violenza

patrizia panarelloL’assessore Patrizia Panarello risponde alle dichiarazioni del consigliere Pippo Trischitta (Forza Italia). L’esponente del consesso civico aveva invitato i membri della Giunta a offrire la propria solidarietà a Giuseppe Crupi. “Vengo chiamata in causa – dichiara l’assessore Panarelloin merito alla ‘presunta e falsa’ vicenda delle galline alla riscossa che viene accostata all’inquietante vicenda delle gomme tagliate a un commerciante contrario all’istituzione dell’isola pedonale in via dei Mille. Questa vicenda andrebbe in maniera più opportuna accostata agli eventi spiacevoli che, diversi mesi addietro, non solo l’assessore Cacciola, ma anche altri commercianti favorevoli all’isola hanno dovuto subire. Minacce e intimidazioni sono poi state fatte al corpo di Polizia Municipale fuori dai mercati e ancora atti vandalici hanno colpito le auto di alcune insegnanti dell’Albino Luciani. Per non parlare poi delle modalità con cui è stato devastato il Circolo Arci Thomas Sankara. L’ultimo atto riguarda l’esplosione di una bomba-carta alla scuola primaria Mazzini, gesto sconsiderato e gravissimo per il quale i piccoli alunni avrebbero potuto rischiare la vita. Personalmente non posso che dissociarmi da tutti questi gesti che in maniera diversa rappresentano il cuore di uno stesso problema: l’esistenza di una cultura di violenza, di vendetta, di ritorsione. Esprimo forte sdegno per il clima intimidatorio che si respira in città, così come forte sdegno provo per le strumentalizzazioni politiche. Al di là della retorica e oltre le parole che direttamente o indirettamente alimentano tensioni e contrapposizioni dentro e fuori il Palazzo, distorcendo la verità e camuffando il sentimento di giustizia in tecnicismi e formalismi da tribunali, c’è una certezza: la città vuole l’isola pedonale, l’Amministrazione Accorinti porterà a compimento questo obiettivo politico e da questo indietro non si torna”.