fbpx

Vibo Valentia: impiegato eredita quasi un miliardo di lire, ma sono inutilizzabili

euro-liraEredita quasi un miliardo di lire, ma non può usufruire del denaro. Il malcapitato è Raffaele Morelli, di 40 anni, impiegato in un paesino vicino Pescara, con parenti calabresi; una sua facoltosa zia, imprenditrice edile catanzarese, scomparsa pochi giorni fa, gli ha lasciato circa 850 milioni di lire, inutilizzabili a causa del decreto Monti, il 121 del 6 dicembre 2012.

Il suddetto decreto, infatti, fissava un limite temporale di dieci anni (dal 2002 al 2012) per il cambio delle lire in euro.

Morelli, unico destinatario dei beni della zia, nubile e senza figli, non ha quindi potuto accedere ai soldi, ma può beneficiare di terreni e di una villa a Vibo Valentia.

Il denaro, per il momento, è conservato a Vibo, in una cassetta di sicurezza presso la banca Unicredit.