fbpx

Traferimenti personale regione Calabria, Oliverio: “atti gravi, toccato il fondo”

Mario OliverioLa scellerata gestione della cosa pubblica da parte di questa giunta regionale ha assunto connotati di una gravità inaudita. Le numerose procedure di trasferimento messe in atto da palazzo Alemanni, dalla presidente facente funzioni Stasi e dal suo esecutivo, nell’ultimo mese non sono altro che il rovescio della medaglia di quanto abbiamo già denunciato nei giorni scorsi, cioè il tentativo di procedere con nuove nomine nell’imminenza delle elezioni. Quando, poi, ci si trova di fronte a situazioni paradossali, come l’utilizzo di personale ospedaliero in mansioni di responsabilità amministrative, significa che abbiamo davvero toccato il fondo”.

Mario Oliverio, candidato del centrosinistra alla presidenza della Regione, interviene così sugli ultimi provvedimenti assunti dal dipartimento Personale.

“Con quale criterio si è proceduto ai trasferimenti? Perché tutti ora? Quali interessi pubblici li giustificano? Non ci si dica che le procedure sono avvenute nel rispetto della legge – tuona Oliverio – perché si glissa sul problema più serio, quello dell’opportunità di emanare tali decreti a pochi giorni dalle elezioni. La volontà di cambiamento dei calabresi è forte e non sarà arginata da queste operazioni di piccolo cabotaggio clientelare. I calabresi – conclude il candidato del centrosinistra – vogliono intraprendere la strada del rigore e della trasparenza amministrativa. E’ la strada del cambiamento che imboccheremo tutti assieme con le elezioni del 23 novembre”.