fbpx

Reggio, extracomunitari occupano abusivamente un appartamento vicino lo stadio e “sfrattano” un cane!

scatolone

Episodio raccapricciante questa mattina a Reggio Calabria e precisamente in via Calamizzi superiore, nei pressi dello stadio Granillo, dove intorno alle ore 09:00 una famiglia di extracomunitari, composta da 7 persone, si è impossessata abusivamente di un appartamento. Qualche minuto dopo, probabilmente avvertiti dai vicini, sono arrivati i legittimi proprietari dell’ immobile che si sono ritrovati non solo l’appartamento occupato ma anche il proprio cane buttato fuori dal cancello di casa.

Ne è scaturito un vivace dibattito con l’intervento di numerose persone della zona; dopo circa un’ora di urla e schiamazzi che hanno interessato tutto il quartiere, è stata trovata una “soluzione” che certo non risolve il problema: la famiglia di extracomunitari ha liberato l’appartamento occupato abusivamente per impossessarsi in modo altrettanto abusivo di uno altro appartamento adiacente, libero per il decesso da qualche mese dei legittimi proprietari.

Dal punto di vista dell’ordine pubblico, sembra sia tornata la calma nella traversa del Granillo, ma resta il fatto che Reggio Calabria continua l’illegalità diffusa, e il problema non è certo solo degli extracomunitari: molto spesso questi episodi si verificano in città anche tra reggini, basti pensare alla situazione di Arghillà o del Rione Marconi, ma non solo. Ormai ogni qual volta un anziano che vive da solo viene a mancare, i familiari nell’immediato non hanno neanche il tempo e la possibilità di occuparsi del funerale e di piangere il caro defunto che devono provvedere ad evitare che l’abitazione venga abusivamente occupata, in un contesto di degrado peggiore del terzo mondo.