fbpx

Reggio: dopo 6 sei mesi e tanti incidenti mortali, la SS106 tra Motta e Bocale è ancora al buio [FOTO]

/

DSC05825“Il tratto urbano di Ss 106 compreso tra il Bivio per Motta SG e il Bivio per Bocale è privo di illuminazione pubblica dallo scorso  11 maggio, quando un’autovettura giunta all’altezza del km. 17+II ha sbattuto contro un palo dell’illuminazione comunale danneggiandolo”. Lo afferma in una nota Vincenzo Crea, Responsabile comitato Torrente Oliveto e Referente unico dell’ANCADIC Onlus.

“L’attuale stato di fatto rappresenta un ulteriore indice di pericolosità soprattutto per i pedoni e per gli abitanti degli edifici posti a ridosso della Ss 106 la cui presenza col buio non è prontamente avvistabile dai conducenti dei veicoli che tra l’altro in quel tratto marciano a velocità non commisurata. Nel tratto in questione oltre alle abitazioni poste lato monte e lato mare della Ss 106   vi sono attività commerciali e una fermata dell’autobus –ATAM-  quest’ultima non consentita dal Codice della Strada non solo perché non ci sono attraversamenti pedonali ma perché l’area di fermata ricade nella carreggiata quindi è inevitabile, tra l’altro, che il sorpasso dell’autobus fermo, sebbene vietato dalla segnaletica stradale, doppia striscia continua di mezzeria  risulti pericoloso e appaiono possibili e probabili collisioni tra veicoli”.

“Va decisamente ripetuto e sottolineato – prosegue Crea – che il tratto è sprovvisto di attraversamenti pedonali e più volte i conducenti dei mezzi hanno perso il controllo del veicolo sbattendo contro le abitazioni. Tra i tanti gravissimi incidenti stradali verificatisi in quel tratto si richiama l’attenzione su quello mortale che  si è registrato il 31 dicembre 2012 all’altezza del   Km 17+00,  che ha visto coinvolta una donna travolta da un’autovettura mentre attraversava l’arteria stradale. In merito sono stati attivati il Vice Sindaco  con deleghe ai  lavori pubblici- viabilità e il responsabile dell’Ufficio Tecnico Manutentivo  del Comune di Motta San Giovanni” conclude Crea.