fbpx

Occhiuto replica a NCD ed esorta i calabresi a votare Wanda Ferro

Mario Occhiuto“Sa davvero di beffa che, oggi, il Nuovo centro Destra e chiunque si celi dietro all’appartenenza a questo partito, continui a sfornare note a mezzo stampa arrogandosi il ruolo di pseudo-sentinella nella lotta a uno pseudo-clientelismo che si vede esclusivamente all’esterno da sé. Senti da che pulpito, poi! E continuano così a scrivere inutili fiumi di parole che sono fumo assoluto, atti di facile denigrazione che neanche alle scuole elementari, offese al sottoscritto che intasano caselle di posta di giornali, privando chiunque legga di dedicarsi ad interessi decisamente più costruttivi”.

Lo dichiara il sindaco Mario Occhiuto replicando a un comunicato stampa diffuso dal Nuovo Centro destra.

“Il sottoscritto – prosegue il primo cittadino bruzio – ha sempre vissuto delle sue competenze e del suo lavoro, senza alcun bisogno di utilizzare la cosa pubblica per interessi personali, al contrario di certi politici di professione. Non mi nascondo dietro alcuna sigla, rispondo a mio nome del mio operato e sono pronto, in qualsiasi momento, a confrontarmi con lor signori su tutti gli argomenti di cui vorranno discernere, compresa l’analisi del mal governo fatto di saccheggi e mazzette che persone infiltrate nelle istituzioni hanno compiuto nel tempo a scapito del nostro territorio, impedendo ai nostri figli dell’opportunità di un impiego. Credo, però, che di sicuro questi signori abbiano coraggio, il coraggio della faccia tosta. E spero che i calabresi desiderosi di voltare pagina, sapranno penalizzarli già domenica alle urne. Dopo anni di saccheggi all’interno degli enti regionali, attraverso un sistema basato sul clientelismo sfrenato e, ancora, soprattutto nel settore della Sanità (dove hanno portato al dissesto finanziario e, dove più che come amministratori si sono affermati come ‘padroni’), ecco che il Nuovo Centro Destra si permette di dare lezioni al sottoscritto per quanto riguarda incarichi dirigenziali e fiduciari. Noi che invece abbiamo ereditato queste situazioni, cercando di risanarle, veniamo accusati del contrario. Nel mio caso, gli incarichi sono stati fatti con evidente parsimonia e riducendo sia il numero dei ruoli assegnati sia la spesa rispetto agli anni passati. Che NCD, dunque, pensi  piuttosto a preoccuparsi di ciò che accade tra i suoi appartenenti, e familiari degli stessi, e dei loro problemi giudiziari di imminente fissazione, aventi ad oggetto proprio la violazione dei principi di trasparenza e pubblicità nell’affidamento degli incarichi. Se si continuerà su questa strada, saremo costretti a ribattere al loro metodo infamante, citando invece questioni reali che riguardano i loro comportamenti negli anni all’interno delle pubbliche amministrazioni”. 

“Ribadisco – conclude Occhiuto – di fronte a cotanta millanteria, avrei persino piacere a confrontarmi personalmente e in modo diretto con chi avanza illazioni nei confronti del mio operato da sindaco di Cosenza e, ora, da presidente della provincia. Mario Occhiuto non si serve e non si servirà mai, ad esempio, di loschi personaggi che hanno prestato servizio contemporaneamente in diversi posti pubblici, dei quali ora approfondiremo l’operato, arrivandoci di sicuro non per merito e nemmeno attraverso un bando pubblico. Mi auguro sinceramente che – chiosa ancora – domenica prossima i calabresi scelgano di dare fiducia a Wanda Ferro al governo della regione, cosicché da mettere fine a questo medioevo calabrese fatto di mazzette, saccheggi e misera cattiveria che conduce soltanto ad alimentare odio”.